testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

In attesa che si apra il tavolo con il Governo sulla previdenza che dovrà ridefinire le regole e la tenuta del sistema previdenziale dai prossimi anni, Cgil Cisl e Uil hanno rimesso al centro la proposta contenuta nella piattaforma unitaria per una riforma del sistema previdenziale che superi le attuali iniquità come il possibile scalone per lo stop a Quota100 nel 2021 e consenta a tutti – specie ai lavori gravosi – un’uscita flessibile senza penalizzazioni, guardando alla tutela di donne, al riconoscimento del lavoro di cura, ai giovani e alle carriere discontinue. L’ipotesi “quota102” (64 anni – due in più rispetto alle attuali regole di Quota 100 - e 38 di versamenti) è stata rigettata dalle organizzazioni sindacali, sia per l’elevazione dei requisiti sia per il ricalcolo contributivo, che penalizzerebbe chi ha versato una parte di contributi col precedente sistema retributivo. La contro-proposta dei sindacati, su cui si è aperto il dibattito politico in questi giorni, fa riferimento alla previsione di uscita con 62 anni e 20 di contributi o con un massimo di 41 anni di contributi a prescindere dall’età, introducendo a un sistema flessibile (da 57 a 65 anni di età), per chi rientra nel sistema contributivo, rivedendo anche i coefficienti di trasformazione per superare l’attuale sistema di adeguamento all’aspettativa di vita. Da Quota 100 a opzione donna all’Ape social, queste sono per quest’anno le possibilità ancora valide per andare in pensione con 4-5 anni di anticipo rispetto al limite dei 67 anni di età (che resterà tale almeno fino al 2022):

IMG 20200113 WA0003

(Fonte: Sole24Ore - 13 gennaio 2020) Qui il comunicato della Cgil (10-1-2020) --> http://bit.ly/2Rptb0n

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy