testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Dopo la denuncia delle organizzazioni sindacali sulle carenze di organico al Tribunale di Roma, l’incontro previsto per ieri 28 novembre con l’amministrazione è stato inspiegabilmente limitato alle sole RSU, comunicando solamente il giorno precedente, senza alcuna motivazione, l’esclusione delle sigle territoriali. 

CGIL CISL e UIL hanno chiesto l’immediata riconvocazione di tutte le sigle rappresentative al tavolo. L’Amministrazione, non ha dato risposta ed ha incontrato le rappresentanze unitarie del solo Tribunale.

“La scelta di sottrarsi al previsto e richiesto confronto è stato utile ai vertici ministeriali per evitare di dare risposte concrete ed esigibili, a sindacato e lavoratori, sui problemi del Tribunale Ordinario di Roma”, scrivono Liliana Antonacci, Fp Cgil Roma Lazio, Marco Sozzi, Cisl Fp Roma Capitale Rieti, Luigi Montesanto, UilPa Roma e Lazio. 

“Nell’incontro di ieri alle RSU hanno raccontato, come avviene ormai in ogni occasione, la loro unica soluzione inadeguata nei tempi e nei numeri, così privando il personale e le organizzazioni sindacali di una risposta pertinente all’emergenza. Nonostante la rilevanza dei temi in discussione (carenze di organico, ambienti inadeguati, carriere ferme, mentre il lavoro del Tribunale aumenta già si registrano 400 unità in meno, dai cancellieri agli ausiliari fino alla dirigenza) il Capo Dipartimento, in palese violazione delle corrette relazioni sindacali, ha preferito evitare il confronto con CGIL CISL e UIL”, proseguono.

“Nei prossimi mesi si andrà necessariamente, malgrado gli sforzi dei lavoratori, verso la chiusura dei servizi e delle cancellerie, la riduzione delle udienze e degli orari di apertura al pubblico. Ci sono ricadute esterne sui servizi alla cittadinanza, sul funzionamento quotidiano degli uffici, sull’intera immagine della giustizia di questo Paese. Non si tratta di una semplice questione locale, ma di un tema di interesse nazionale: è inammissibile che si eviti il confronto e si ignori la complessiva ricaduta sull’intero sistema giudiziario, argomento che necessita di un’altissima condivisione ed attenzione, a tutti i livelli. Attiveremo tutte le iniziative a tutela dei lavoratori e per il rispetto delle prerogative sindacali, ribadendo ancora una volta, ai vertici del Tribunale di Roma, la necessità di un immediato ripristino del tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali”, concludono nella nota Cgil Cisl e Uil. 

 

Il comunicato ai lavoratori del 29 novembre 2019

La denuncia sugli organici

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy