testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Si susseguono gli incidenti in pieno centro, a Trastevere, per i lavori di demolizione del palazzo che ospitava la RTS di Roma, ora venduto ai privati, in via Parboni. Mentre nel palazzo adiacente di via Nievo, che ospita gli uffici di Anvur, Mef e Invalsi, si continua a entrare. Dopo i crolli del 3 e del 5 luglio, questa mattina i demolitori hanno danneggiato la sala Conferenze dell'ANVUR, ai piani bassi, provocando danni ai controsoffitti e resa quindi inagibile per il rischio di un nuovo crollo. I lavoratori sono stati evacuati e sono ora in strada, mentre i Vigili del Fuoco  stanno individuando l’origine del forte odore di gas che si è sprigionato e hanno staccato le centraline della corrente. Al momento, via Ippolito Nievo è interdetta al traffico. Anche il vicino ufficio dell’Agenzia delle Entrate ha chiuso.

“Nonostante i crolli del 3 e del 5 luglio e la nostra richiesta di riconoscere uno stato eccezionale di emergenza, rendendo inaccessibile il palazzo fino a fine lavori, le Amministrazioni di ANVUR e MEF - Ucb Miur hanno lasciato con colpevole noncuranza lavoratrici e lavoratori esposti al pericolo. Circa 100 persone che per lavoro ogni giorno entrano in un palazzo che trema, in cui cadono calcinacci, si squarciano muri. In mezzo alle polveri. Le misure di sicurezza iniziali e le rassicurazioni sulla tenuta dello stabile in corso di demolizione, si stanno rilevando, con tutta evidenza, insufficienti”, dichiara la Fp Cgil di Roma e Lazio, sul posto insieme ai lavoratori.

“L’allarme è stato lanciato da tutti, non solo da lavoratori e sindacati, ma anche dai residenti e dalle famiglie degli studenti della vicina scuola. Come FP CGIL abbiamo diffidato le amministrazioni e informato il Prefetto e la Sindaca, per intervenire immediatamente a tutela dei lavoratori e per interromperne la prestazione lavorativa in quello stabile per tutta la durata dei lavori: non è arrivata nessuna risposta. Un assurdo immobilismo in attesa del prossimo danno, e del prossimo crollo a danno di lavoratori pubblici in servizio e cittadini. Non è un problema isolato al quartiere, è un problema della città. Siamo in pieno centro a Roma, e si rischia seriamente la vita. È impossibile che si continui a sottovalutare una situazione simile, da parte delle Amministrazioni responsabili della salute e della sicurezza dei lavoratori, come delle Istituzioni chiamate ad affrontare subito questa emergenza”.

La diffida a Amministrazioni, Prefetto e Sindaca Raggi del 5 luglio 2019

L'articolo su Il Manifesto (12 luglio 2019)

Le foto dell'evacuazione dopo il crollo dell'11 luglio

previous arrow
next arrow
Slider
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy