FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 È di ieri la denuncia dei sindacati ai vertici regionali dell’Agenzia delle Entrate, per l’ormai insostenibile gestione degli sportelli di front office negli uffici territoriali di Roma e Lazio. Un’ora per avere un’informazione, due tre ore di attesa per l’assistenza ai contribuenti. Alle 10 della mattina la distribuzione dei numeri è già completa, e spesso i cittadini sono costretti a ritornare. “La situazione peggiora di giorno in giorno, sia tra i lavoratori che nel rapporto con l’utenza. I Front Office, specie su Roma, sono già al collasso, si rischia la paralisi. Con questi tempi di attesa è immaginabile la collera che si riversa sul personale allo sportello, che spesso degenera in aggressioni fisiche, con l’intervento delle forze dell’ordine”, denunciano i coordinamenti regionali Entrate Roma e Lazio di Fp Cgil, Cisl Fp e Confsal Unsa.


“L’ultimo episodio risale a qualche giorno fa presso l’Ufficio di Roma 4 (Collatino) dove due contribuenti sono stati costretti a prendere le difese di un lavoratore aggredito da un utente. All’ufficio Roma 5 (Tuscolano), invece, si registra una quotidiana violenza verbale, con minacce e offese alle lavoratrici e ai lavoratori. Situazione simile anche presso altre realtà laziali, quali l'UT di Latina che, anche per effetto dell'accorpamento dell'Ufficio ex Territorio, Confusione, ritardi, disorganizzazione: un servizio scadente e condizioni di lavoro critiche, in un clima di costante tensione”, proseguono i sindacati.

“La carenza di personale, specie nell’area metropolitana, costringe i lavoratori e le lavoratrici dei Front Office a turni pesanti, ben oltre le 4 ore consentite, senza il rispetto delle pause definite dalle norme e dai contratti. Nonostante le ripetute denunce, non sono stati fatti significativi interventi di riorganizzazione né per la gestione dei tempi di attesa. Come all’UPT di Roma, dove ancora non sono previste turnazioni del personale allo sportello”, continuano Fp Cgil, Cisl Fp e Confsal Unsa.

Troppo pochi, quindi, mentre il lavoro aumenta: sono sempre di più infatti le richieste di informazioni e servizi da parte dell’utenza, sia singoli cittadini che professionisti. L’attivazione di procedure informatiche non è sufficiente a consentire un’adeguata evasione delle domande.

“Chiediamo da subito di intervenire per la tutela del lavoro e per l’efficienza dei servizi. Abbiamo richiesto all’Amministrazione territoriale che si limiti l’apertura dei Front office nella fascia antimeridiana, e si rafforzino le misure di sicurezza negli uffici. Oltre a proporre l’affidamento di servizi, come il rilascio dei codici fiscali, ad altri enti pubblici territoriali. È necessario che anche dalla direzione centrale si attivi per risolvere la crisi in corso, prevedendo una mobilità straordinaria verso gli uffici. Non staremo a guardare: senza riscontri immediati, metteremo in campo ogni azione di protesta, senza escludere l’indizione dello sciopero dei lavoratori”, concludono i sindacati.

La nota inviata all'Amministrazione

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy