FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Si dichiara il rilancio, ma si mandano a casa i lavoratori precari. Mentre l’attuale Commissario del Formez anticipa oggi alle organizzazioni sindacali il progetto di rilancio dell’istituto e l’incremento delle attività, in linea con le dichiarazioni d’intenti del Ministro Bongiorno, al Formez si continua a non rinnovare i contratti del personale precario E una parte sostanziale del problema è la stessa natura dell’Istituto, sospeso in un limbo tra pubblico e privato. È società in house della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per cui, da una parte, non si può ricorrere alle procedure di stabilizzazione e assunzione che valgono per il pubblico impiego in base al Decreto “Madia”, e dall’altra, valgono le norme del Decreto “dignità”, che pone vincoli alla proroga dei contratti a termine.
Del personale precario impiegato da anni nell’Istituto, 150 contratti sono già scaduti e non sono stati rinnovati durante il commissariamento. Sono ora circa 50 le lavoratrici e i lavoratori, da tempo in servizio al Formez, che entro i prossimi tre mesi vedranno il loro contratto scaduto senza sapere se e come sarà rinnovato. I primi 5 entro il 31 dicembre, altri 9 entro il 15 gennaio.
“è evidente che non c’è molto da festeggiare – dichiarano i responsabili di categoria Cgil, Cisl e Uil Francesca de Rugeriis, Alessandro Bruni, Paolo Liberati - nonostante le parole del commissario sul futuro dell’Istituto. Senza le professionalità che da anni vi sono impiegate, è difficile immaginare le condizioni di un immediato rilancio. Certe sono, invece, le date di scadenza dei contratti a tempo determinato che, secondo questo pericoloso intreccio normativo, non potranno essere rinnovati. Il consueto saluto dell’amministrazione per le festività natalizie si è trasformato in un’assemblea spontanea dei lavoratori”.
“Abbiamo ripetutamente scritto e sollecitato il Ministro, il Capo Dipartimento e il Commissario dell’istituto per porre fine all’ingiustificato commissariamento del Formez – concludono i rappresentanti sindacali - e per affrontare urgentemente la questione occupazionale. A pochissimi giorni dalle prime scadenze, è fondamentale che si attivino le istituzioni per scongiurare una nuova perdita di posti di lavoro. L’avvio di una nuova fase di stabilità per il Formez, che consenta all’Istituto di dare le migliori risposte in termini di servizi alle PA, non può prescindere dalla salvaguardia dei livelli occupazionali e delle professionalità acquisite nel tempo dai lavoratori”.

Roma, 19 dicembre 2018

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più