testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Sul finire degli anni ‘70, assieme ad un manipolo di volenterosi diplomatici, fondò Farnesina Democratica, a partire da quello che allora era l’unico sindacato confederale presente al Ministero degli Esteri. Questo gruppo diede vita al supplemento “Diplomazia ’80” della rivista leftist “Pace e Guerra”. Poco dopo il gruppo fondò la CGIL–Esteri, caratterizzando sindacalmente l’impegno al rinnovamento di una struttura chiusa e conservatrice.

La CGIL–Esteri divenne l’incubatrice di idee nuove. Fu il primo e solo sindacato ad avere fra le sue fila i membri della carriera diplomatica e delle carriere amministrative, in un cocktail di interessi e di opinioni. Roberto organizzò, come dirigente della CGIL-Esteri, importanti iniziative pubbliche di grande successo sulle tematiche della politica estera e sulla necessità di riformare profondamente la Farnesina. Pagò il coraggio del suo costante impegno di dirigente sindacale con una carriera lenta.

La Cgil-Esteri è ancora grande, grazie a lui e a quel che ha saputo costruire in oltre 40 anni di militanza e battaglie.

Romano, dalla personalità sfaccettata e di grande fascino. Diretto e arguto, con un’intelligenza viva. Così lo ricordano i compagni del Ministero e così vogliamo ricordarlo tutti noi:

“Ci litigavi e gli volevi bene lo stesso. Roberto non passava mai inosservato. Eppure non era alto né muscoloso. Eppure non vestiva col classico blu ministeriale. Prediligeva l’abbigliamento informale, gli scarponi ai piedi, la sciarpetta al collo, le giacche sfoderate. Il sigaro era la sua passione e lo esibiva anche negli ambienti “no smoking”. Amava provocare fosse anche per i piccoli gesti.

Prestò servizio a Tokyo e Pechino e da questa esperienza trasse spunto per scrivere due libri di analisi economica e politica pubblicati da Einaudi e Feltrinelli. Fu anche Ambasciatore in due sedi diplomatiche: meritò ovunque. Alla pensione per limiti d’età, Roberto continuò l’impegno internazionalista con una pagina internet che riprese dal Cosmopolita, periodico online pubblicato dalla CGIL-Esteri.

La passione per gli affari esteri gli rimase dentro fino all’ultimo. Fino allo sciagurato giorno di luglio in cui cominciò a spegnersi, Roberto ci è stato di stimolo con la sua brillante intelligenza, col suo cordiale sarcasmo, col suo “non lasciarti passare nulla”.

Caro Roberto, ti vogliamo bene ora come quando ti conoscemmo un millennio fa, sempre circondato dal fumo del tuo toscano e dai tuoi sogni”.

Grazie Roberto, grazie grande compagno.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy