testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Sono centinaia le assemblee svolte in queste due settimane da Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil PA in sanità, funzioni centrali, enti locali di Roma e del Lazio, per discutere con le lavoratrici e i lavoratori della piattaforma per il rinnovo del contratto e dei temi cardine della campagna nazionale “Rinnoviamo la PA”, partita con lo sciopero del 9 dicembre scorso.

“Migliaia di lavoratori hanno condiviso e discusso le proposte delle piattaforme per i rinnovo, con i punti di avanzamento per noi imprescindibili che dovranno contenere i nuovi CCNL, scaduti da tre anni, e le questioni complessive e più urgenti per rilanciare i servizi pubblici e consentire alla PA un vero cambio di passo: assunzioni, stabilizzazioni, sicurezza, innovazione”, dichiarano Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia, Sandro Bernardini e Maurizio Narcisi, segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio, Uil Fpl Roma e Lazio e Uil Pa Roma e Lazio.

                                                               

“Dalle questioni specifiche su revisione del sistema di classificazione e progressioni di carriera, al sistema indennitario e alla contrattazione decentrata, all’effettivo ruolo degli organismi paritetici e degli RLS, al centro deve essere messo il lavoro, la sua valorizzazione, la garanzia di sicurezza”, proseguono.

“Alle vuote retoriche, che in un attimo portano i lavoratori pubblici da eroi a privilegiati, o peggio ancora fannulloni, preferiamo azioni concrete e prospettive di lungo termine per risolvere l’insieme delle criticità che hanno impoverito il sistema pubblico, nella regione come in tutto il paese. Si tratta di dare valore al lavoro, e di restituire ai cittadini servizi efficaci. Durante questi mesi i servizi pubblici si sono retti grazie a chi ha dato il massimo, spesso in condizioni di rischio, dalle prime linee delle strutture sanitarie, alle nostre strade, nelle scuole e negli uffici, pagando in prima persona le disomogeneità e i ritardi nell’applicazione dei protocolli di sicurezza, spesso ammalandosi, in luoghi di lavoro senza percorsi definiti o in carenza di dispositivi. Oppure coprendo le carenze di regolamentazione, umane e strumentali registrate con l’attivazione ex lege dello smart working. La definizione contrattuale del lavoro agile dopo l’emergenza si lega al complessivo investimento sull’innovazione e la dematerializzazione dei processi: per arrivare a una PA efficace, snella e in grado di accelerare risposte a cittadini e imprese, serve attivare ogni leva, dalle strumentazioni alla formazione continua”, continuano Cenciarelli, Chierchia, Bernardini e Narcisi.

Ma nulla può cambiare davvero senza un potenziamento straordinario degli organici: dopo anni di tagli e disinvestimenti, le carenze sono allarmanti, e i lavoratori in servizio sono pochi e con un’età media elevata. In totale, in tutti i settori si contano 300 mila vuoti di organico, e 500 mila lavoratori sono prossimi ad uscire dal sistema pubblico. I nuovi concorsi previsti, stante la possibilità di rimodularne lo svolgimento in sicurezza, potranno a malapena compensare i pensionamenti, senza recuperare il gap storico. Solo in sanità, per questa regione, mancano ancora almeno 10 mila unità, su tutti i profili professionali. Ma anche i servizi fiscali e previdenziali, nella giustizia, negli enti locali, serve assumere e stabilizzare. Le proroghe ottenute non bastano: serve fare di più per garantire un futuro a chi ha operato per i servizi pubblici in forma precaria, e sono più di 170 mila. Un fenomeno così esteso che per l’Italia è stata aperta una procedura di infrazione da parte della Commissione europea”, aggiungono i segretari generali.

“Ora è quantomai urgente che si aprano le trattative per il rinnovo dei contratti e Governo e Regione affrontino il tema delle risorse. Investire nel lavoro pubblico, lo ricorderemo sempre, non è tutelare un privilegio, ma restituire dignità a chi opera al servizio dei cittadini, migliorare i servizi e dare forza al pubblico come motore della ripresa e del buon funzionamento del paese. È una battaglia di tutti”, concludono.

LA LOCANDINA

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy