testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

All’Istituto Lazzaro Spallanzani, il primo hub pubblico per la gestione dell’emergenza pandemica da Coronavirus, che da mesi svolge un ruolo essenziale anche nella gestione complessiva nella rete regionale di assistenza clinica e per le aree di ricerca, sono stati rimossi in queste ore gli striscioni di protesta. 

“Questo è un palese atteggiamento antisindacale e una evidente negazione dei diritti e della libertà d’espressione sancita dalla Costituzione. I lavoratori sono in stato di agitazione per quanto sta accadendo all’interno dell’istituto: assenza di confronto su una serie di richieste legate al contratto e ai successivi accordi con la Regione, linea unilaterale da parte della Direzione, e oggi l’inaccettabile “bavaglio” alla protesta dei lavoratori”, dichiara Giancarlo Cenciarelli, Segretario generale Fp Cgil di Roma e Lazio. 

“Nei nostri striscioni chiediamo semplicemente trasparenza nell’utilizzo delle risorse, sia pubbliche che private, destinate all’Istituto per l’emergenza sanitaria. Trasparenza, nello specifico, legata alla costituzione di attività libero professionali presso una clinica privata, per le quali potrebbero essere interessati medici e infermieri dell’istituto, nonostante l’ordinanza regionale del 5 novembre esenti lo Spallanzani da qualsiasi attività ambulatoriale, per l’impegno prioritario legato alla prima linea dell’assistenza Covid, e che sarebbe più opportuno destinare al potenziamento delle attività interne”, prosegue Cenciarelli.

“E, in generale, trasparenza sulle scelte della gestione aziendale che hanno ricadute sul personale. Mettere in secondo piano il confronto con il sindacato, oltre che impedire la corretta attuazione degli accordi e del contratto, è all’opposto del rispetto che deve essere dato a lavoratori che da mesi sono in prima linea e che continuano a dare il massimo per garantire cure adeguate ai cittadini. Proprio nell’Istituto pubblico che, ribadiamo, rappresenta il fulcro e l’eccellenza del sistema sanitario regionale, rimodulato per far fronte all’aggressività dei contagi nell’attuale fase dell’emergenza. Chiediamo l’intervento diretto della Regione Lazio, già informata dell’accaduto, per ripristinare corrette relazioni sindacali e riconoscere ai lavoratori del servizio pubblico il rispetto che meritano. Non ci facciamo intimidire: continueremo in ogni sede e in ogni modo a difendere il servizio pubblico e a pretendere trasparenza, diritti e rispetto del lavoro”, conclude Il Segretario generale Fp Cgil Roma e Lazio. 

La nota del 5 dicembre

Scarica il volantino

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy