FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Sostegno e solidarietà ai lavoratori della polizia penitenziaria del carcere di Rieti, da 4 giorni in presidio h24 di fronte alla struttura per denunciare la mancanza di attenzione alle numerose problematiche del carcere. 

Come nelle altre strutture del Lazio, sovraffollamento e condizioni di lavoro drammatiche per i pochi agenti in servizio. Il carcere ospita quasi il doppio della capienza regolamentare, mentre gli agenti ormai da tempo pochi, sono sottoposti a turni stressanti, fino a 20 ore di lavoro, e altissimi rischi per l’incolumità e la sicurezza del servizio.
A questo si aggiunge la carente manutenzione della struttura, su cui non si interviene dal 2015. Ma ancor più grave è il disinteresse da parte dell’Istituto e delle istituzioni tutte. In 4 giorni di presidio nessuno si è presentato: non la direttrice dell’Istituto, probabilmente in ferie, non le istituzioni locali, non il Prefetto né il Provveditorato, nonostante le ripetute richieste di incontro a cui non è stato dato alcun riscontro.

"È gravissimo – denuncia la Fp Cgil di Roma e Lazio – siamo di fronte a un silenzio intollerabile. La Cgil, con le altre sigle che hanno indetto la mobilitazione, esprime con forza solidarietà e sostegno ai lavoratori. I detenuti sono 400, (mentre dovrebbero essere 279) mentre gli agenti in servizio sono 107, 28 comandati in altre sedi, ma dovrebbero essere 172. All’ingresso del block house, un solo agente a controllare tutto, mezzi e persone, in entrata e in uscita dalla struttura. L’assordante silenzio delle istituzioni è intollerabile: i lavoratori hanno bisogno subito di risposte, così come tutti i colleghi delle altre carceri del Lazio, e andremo avanti finché non ne avremo. Sicurezza, personale, manutenzione: in gioco ci sono i diritti e la dignità dei lavoratori e dei detenuti”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più