testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Sul salario accessorio dei lavoratori del San Giovanni Addolorata, azienda ancora ferma nonostante la nuova determina regionale che attesta la consistenza e la parametrazione dei fondi contrattuali destinati a retribuire gli operatori. E i sindacati proclamano lo sciopero per il 31 marzo prossimo.

Massimiliano De Luca, Giovanni Fusco e Alberto Checola, segretari territoriali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Roma Capitale Rieti e Uil Fpl Roma e Lazio tornano, in una nota, a denunciare la “beffa intollerabile ai danni del personale. Si nega a chi è in prima linea per la pandemia e per la campagna vaccinale, anche il diritto alla giusta retribuzione: due anni di produttività già guadagnata e straordinari Covid sottratti ai bilanci delle famiglie”.

Una situazione paradossale, rimarcano i sindacalisti. “Qui si lavora in pochi, con turni moltiplicati, carichi altissimi e un’emergenza in corso, ma il riconoscimento dovuto a chi ha pagato un prezzo salatissimo anche in termini di vite umane, si è trasformato in una punizione, scontrandosi contro il muro della burocrazia e dell’inerzia. Tanto che il collegio dei sindaci sta ancora tenendo ferma la contrattazione sui fondi per la produttività del 2019, 2020 e 2021, decurtando in modo ingiustificato i salari, mentre addirittura si nega il pagamento del lavoro straordinario reso obbligatorio dalla crisi sanitaria e dalla carenza di personale”.

“Dalla Regione Lazio è arrivata la certificazione dei fondi, ma di fronte a questa autentica ingiustizia ci saremmo aspettati un intervento ben più energico dall’amministrazione responsabile del Sistema sanitario regionale”, proseguono De Luca, Fusco e Checola. “Il San Giovanni Addolorata non può continuare a tenere sotto scacco i propri dipendenti”.

“Per questo siamo mobilitati da mesi e abbiamo messo in campo decine di iniziative. Dall’azienda nessuna risposta concreta. Ora basta, il 31 marzo sarà sciopero del personale”, concludono i responsabili territoriali delle categorie di Cgil Cisl Uil. “Porteremo la protesta fin sotto la Regione. E non ci fermeremo finché non saranno assicurate la dignità e i diritti dei lavoratori”.

VOLANTINO

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI

RESPONSABILE:

TELEFONO:

INDIRIZZO E-MAIL:

 

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy