testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 È stato proclamato oggi dalle organizzazioni sindacali territoriali lo stato di agitazione del personale sanitario del S. Giovanni Addolorata.

“È soprattutto grazie all’impegno e all’ineccepibile professionalità degli operatori sanitari dell’ospedale, che la qualità dei servizi erogati del San Giovanni è stata pubblicamente riconosciuta e l’Ospedale è divenuto uno dei principali hub di riferimento per la gestione e il contenimento della pandemia”, dichiara la Fp Cgil di Roma e Lazio. “Ma l’Azienda ha comunicato l’impossibilità di erogare la quota di anticipo del premio di produttività agli operatori (pari al 50%, circa 200 euro a lavoratore), a seguito delle valutazioni espresse dal Collegio dei Sindaci”.

“La scelta di erogare l’anticipo era stata condivisa tra azienda e organizzazioni sindacali a fine ottobre, e la copertura economica del fondo c’è, dal momento che è stato incrementato, come da disposizioni della Regione Lazio. In un momento in cui i lavoratori continuano a essere sottoposti a ritmi di lavoro elevati e a grandi rischi per la propria salute, come dimostrano i contagi tra il personale, e i 4 decessi per Covid avvenuti nella struttura, il mancato riconoscimento economico non è un buon segnale”, prosegue la Fp Cgil.

“È fondamentale il riconoscimento anche economico per lo straordinario impegno cui nessun operatore si è sottratto, continuando a dare il massimo, ogni giorno. Non solo ci sono le coperture – spiega il sindacato - ma la scelta va in contrasto con i principi che sottostanno alla numerosa normativa emanata in questo periodo, relativa alla gestione e remunerazione straordinaria di tutto il personale sanitario impegnato nella gestione dell’emergenza Covid. Abbiamo comunicato al Prefetto l’avvio dello stato di agitazione: auspichiamo un rapido superamento di questo impasse burocratico. Ne va del rispetto verso gli operatori del San Giovanni, che, come i lavoratori di tutte le strutture pubbliche e private di Roma e del Lazio coinvolti nell’emergenza, stanno dando il massimo, sotto organico e in condizioni di rischio”.

“All’esito delle procedure di raffreddamento, siamo pronti a ogni azione di mobilitazione e lotta a difesa dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici”, conclude la Fp Cgil.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI

RESPONSABILE:

TELEFONO:

INDIRIZZO E-MAIL:

 

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy