testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

La Fp Cgil di Roma e Lazio e la Uil Fpl Roma Lazio hanno presentato oggi la diffida e la messa in mora, attraverso i propri legali, dell’amministrazione del Policlinico Umberto I per il mancato rispetto degli accordi sottoscritti e il mancato confronto su organizzazione dei servizi e dotazioni organiche.

“Si contravviene a quanto condiviso già da un anno in sede di confronto con la Regione. L’Amministrazione emana delibere senza confronto e dispone unilateralmente su materie come orario di lavoro e retribuzioni, su cui è imprescindibile la contrattazione. Sulle indennità, così come sulla distribuzione della produttività 2018, non si applicano gli accordi e le erogazioni procedono a singhiozzo. Quel che è più grave è l’assoluta mancanza di confronto: non si convoca il tavolo per la contrattazione integrativa, né per avviare le trattative sul contratto decentrato né per produrre il regolamento sulle relazioni sindacali”, denunciano i Segretari generali regionali di Fp Cgil, Giancarlo Cenciarelli, e Uil Fpl, Sandro Bernardini.

 

“In un contesto altamente carente di progettualità per il rilancio dei servizi sanitari del Policlinico, un’eccellenza per Roma e punto di riferimento per il paese, tra nuovi reparti che non decollano e in grave carenza di personale, non si definiscono né si condividono politiche di vero potenziamento né si rispettano professionalità e diritti dei lavoratori”, proseguono Fp Cgil e Uil Fpl.

“Nulla su nuove assunzioni, mancato rispetto degli accordi, e persino mancata erogazione delle retribuzioni accessorie: delegittimando le rappresentanze, si calpestano i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, che nonostante tutto continuano a mantenere alti i livelli di servizio dell’ospedale. Andremo avanti con le azioni legali anche per i dovuti risarcimenti economici ai lavoratori, e metteremo in campo ogni iniziativa utile a ripristinare il rispetto degli accordi e la riapertura del confronto. Richiamiamo l’Amministrazione alle sue responsabilità e agli impegni presi anche di fronte all’istituzione regionale. Il Policlinico e i suoi lavoratori vanno difesi, e con essi l’intero sistema sanitario regionale che nella struttura ha un polo fondamentale di cura e assistenza per tutta la cittadinanza, del Lazio e non solo”, concludono i Segretari generali.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI

RESPONSABILE:

TELEFONO:

INDIRIZZO E-MAIL:

 

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy