FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 "L'atto aziendale di riassetto dell'Umberto I, appena approvato dalla direzione generale, e' un atto che non e' rivolto ad una vera riorganizzazione dell'Azienda nell'interesse prioritario della migliore assistenza per i cittadini ma ad una mera rincorsa all'attribuzione di incarichi di responsabilita'. Totalmente sbilanciato a vantaggio dei dipendenti dell'Universita', che per circa la meta' sono forza lavoro dell'azienda insieme a quelli del servizio sanitario regionale. Si pensa all'occupazione dei posti e ci si disinteressa completamente dei Lea e della qualita' dei servizi", E' durissima la reazione riportata in una nota di Francesco Frabetti, Giovanni Fusco e Fabio Ferrari, segretari territoriali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Roma Capitale Rieti e Uil Fpl Roma e Lazio, che in una lettera inviata al direttore generale del Policlinico, Vincenzo Panella, affondano il documento che dovrebbe ridisegnare responsabilita' e attivita' sanitarie della strattura sanitaria di Roma.
"E' chiara l'intenzione di stabilire i posti dei dirigenti, peraltro con una sproporzione del 99% per le Uoc (unita' operative complesse) e dell'84% per le Uos (unita' operative semplici) a favore degli universitari, ma non c'e' alcuno sforzo di innovazione organizzativa, ne' alcuna attenzione a programmare i servizi sanitari rivolti a garantire l'assistenza specialistica che dovrebbe essere propria di un policlinico universitario- attaccano i segretari di categoria- Solo a scopo esemplificativo, basti pensare che dei circa 500 medici universitari ben 99 sono primari, mentre tra gli altrettanti medici del servizio sanitario regionale soltanto uno e' stato riconosciuto in tale incarico. E il tutto in barba sia alle norme di legge, che prevedono un'attribuzione residuale degli incarichi agli universitari, sia al protocollo di intesa tra Regione Lazio e Universita' La Sapienza, che prevede la piena integrazione tra l'attivita' di assistenza e quella didattico-scientifica".
"Ancora una volta si dimostra che la direzione del Policlinico pensa solo al governo delle poltrone e non a cambiare un'organizzazione ormai anacronistica e a rilanciare percorsi di cura lasciti nella piena obsolescenza", rimarcano Frabetti, Fusco e Ferrari. "Si nega ogni chance di innovazione: non solo lasciando fuori il personale del Ssr dalle funzioni di responsabilita', ma anche chiudendo la porta alle nuove articolazioni organizzative riferite alle figure tecniche e ostetriche previste dalla Regione e all'espletamento dei concorsi gia' autorizzati per l'accesso alla dirigenza delle professioni sanitarie".
"In tutto questo la Regione Lazio tace", concludono i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, che dopo aver informato le proprie federazioni regionali, preparano la mobilitazione. "L'atto aziendale del direttore generale e' irricevibile. Chiediamo che il governatore Nicola Zingaretti intervenga subito. Basta con queste logiche di lottizzazione, a lavoratori e cittadini interessano servizi veloci e di qualita', non la divisione delle spoglie. Non ci fermeremo finche' non avremo una riorganizzazione vera dell'Umberto I".

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy