testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

A due mesi di distanza dalla sottoscrizione del CCI e dalla certificazione del fondo di contrattazione del comparto, pensavamo di dover discutere come impiegare le risorse a nostra disposizione per l'anno 2020. Con sorpresa, in una delegazione trattante che doveva aprire il tavolo sull'Osservatorio del contratto, ci siamo trovati ad ascoltare teorie che prefigurano la decurtazione del fondo che fino ad oggi ha coperto l'intero fabbisogno del personale in materia di salario accessorio, che inevitabilmente metterebbe in discussione l'intero impianto contrattuale appena sottoscritto.

Durante l'incontro ci è stato inoltre comunicato che l'Ente è disposto al ristoro del taglio con risorse variabili che copriranno il fabbisogno per l'anno 2020, ma non assicureranno quello degli anni a venire perchè, come noto, le risorse variabili vengono decise dall'Ente annualmente e in base alle disponibilità di bilancio.

La conposizione del fondo avviene in base a regole contrattuali e la sua consistenza certificata ogni anno dai Revisori dei Conti dell'Ente in base al lavoro presentato del Direttore del Dipartimento I e quello del Ragionere Capo che, inoltre, riporta lo stesso ammontare in bilancio per la quadratura dei conti. Per questi motivi che sono le regole basi su cui l'Ente ha sempre operato e per mantenere gli standard dei livelli retributivi delle lavoratrici e dei lavoratori della Città Metropolitana di Roma Capitale, Cgil, Cisl, Uil e la RSU non possono accettare che venga sottratto un solo Euro dal fondo.

In un volantino a firma congiunta con le rappresentanze regionali di categoria e la RSU, abbiamo ratificato che non ci sono più margini di mediazione con l'Amministrazione e che non saranno le lavoratrici ed i lavoratori a pagare il prezzo del ritardo nella riorganizzazione dell’ Ente, mai adeguato alla legge 56/2014 che lo ha riformato e rimarremo fermi nel pretendere il rispetto degli accordi e dei contratti sottoscritti.

Rimangono aperti i temi da discutere al tavolo dell'Osservatorio:

- il superamento delle criticità prodotte dalla circolare sull’orario di lavoro che ha prodotto disparità tra i dipendenti;

- correggere gli errori prodotti da una errata programmazione della procedura del time-work;

- proporre di revocare la retroattività della suddetta circolare;

- necessità di interpretazioni autentiche per la corretta applicazione degli istituti contrattuali di nuova attivazione (indennità/ condizione di lavoro) ed avvio delle procedure di selezione per la P.E.O. resa possibile dalla firma del CCI entro il 31/12/2019;

- infine, ma non in ordine di importanza, la richiesta di definire il fondo costituito secondo le regole sopra descritte e procedere, per l’anno 2020, con il pagamento della produttività nei tempi previsti.

Continueremo a tenere il personale aggiornato sugli eventi e prossimamente sarà indetta un'assemblea per decidere sul proseguo delle attività.

Qui puoi leggere il volantino a firma congiunta: pdfComunicato a firma congiunta CGIL, CISL, UIL e RSU incontro 2 marzo 2020

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI

RESPONSABILE:

TELEFONO:

INDIRIZZO E-MAIL:

 

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy