FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

In seguito alle segnalazioni della Fp Cgil, venerdì 29 marzo 2019, il Dirigente del Servizio I U.C. del Segretariato Generale, ha revocato la circolare con la quale disponeva della gestione del personale in merito alle assenze previste dall’“Art. 35 Assenze per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici”.Il Dirigente in questione, ignorando il “Regolamento sull’organizzazione degli uffici e dei servizi” che rimanda al Dipartimento I “Risorse umane e qualità dei servizi” la gestione delle relazioni sindacali e le disposizioni sugli istituti contrattuali, ha emanato propria circolare interpretando il suddetto articolo in maniera arbitraria, arrivando a definire una tabella di “Giustificazione Assenze” che non trova riscontro alcuno nella procedura del Time Work, danneggiando lavoratrici e lavoratori che si sono visti negare la validità dei certificati rilasciati dalle strutture preposte nelle quali avevano eseguito le visite, variare senza alcuna disposizione scritta i dati registrati in automatico tramite “il sistema di comunicazione telefonico delle assenze per malattia tramite numero verde gratuito” - come previsto dalla circolare 6/2006 che aggiornata con la normativa vigente, regolamenta le “Aspettative, congedi, ferie, permessi ed istituti contrattuali vari del personale non dirigente” della Città Metropolitana di Roma Capitale.Per questo motivo nei giorni scorsi la Fp Cgil ha scritto alla Segretaria Generale affinché il Dirigente si limitasse a svolgere il suo ruolo Istituzionale e le funzioni di sua competenza nel rispetto, per quanto attiene la gestione del personale, delle corrette procedure di gestione emanate dagli uffici competenti. Vista l’assenza di risposte alla prima lettera, nella seconda abbiamo coinvolto l’ANAC - che vigila sulla corretta applicazione dei contratti pubblici e il Garante della Privacy - a tutela delle dipendenti e dei dipendenti che, nel tentativo di esporre le proprie ragioni ai colleghi costretti a manipolare, su disposizioni verbali del Dirigente, le procedure del Time Work, rischiano di entrare nel merito delle patologie per le quali hanno sostenuto le visite.La Fp Cgil ritiene che il rispetto delle regole faccia si ché il nostro Ente non precipiti nel “fai da te”, che porterebbe al depauperamento delle competenze gli uffici che invece necessitano di riferimenti e di rispetto della normativa vigente.A seguito della revoca della circolare vigileremo affinché vengano effettuate tutte le variazioni per ripristinare le corrette registrazioni nel programma di gestione delle assenze.
 
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy