testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

È di oggi la notizia che il Comando del Corpo di polizia locale ha predisposto l'invio di pattuglie da alcuni gruppi periferici per rafforzare i servizi di presidio al centro storico.

Il messaggio dell'amministrazione appare chiaro: vista la carenza di risorse umane si sceglie di sguarnire i servizi nelle periferie per rafforzare il presidio del centro. Tutto questo però non può che evidenziare l'incapacità organizzativa che si è avuta fino ad oggi, dove le disposizioni sembrano avulse da una qualsiasi logica legata ad organizzazione, pianificazione e progettazione, riproponendo vecchi modelli che sembravano dimenticati.

Il Comando del Corpo sembra aver sposato l'idea dell'uomo solo al comando senza voler coinvolgere i lavoratori, tramite le loro rappresentanze, che potrebbero contribuire al miglioramento dei modelli organizzativi. È tempo di dire basta all'improvvisazione. Se il centro storico è la vetrina della città, non bisogna dimenticare che non ci sono cittadini di serie A e B.

Queste approssimative, quanto estemporanee disposizioni, restituiscono una realtà ben lontana da quanto la Sindaca si sforza di rappresentare. Le periferie sociali si combattono assicurando servizi e non depredandoli. Non è sufficiente accorrere ogni qual volta esplode un disagio, è la quotidianità dei servizi che assicura pari dignità tra i cittadini. Questa ennesima iniziativa, oltre che dimostrare un'assenza di programmazione, non sembra coerente con l’impegno della Sindaca ad includere cittadini e territori e di fatto aumenta in questi la percezione di disagio e di abbandono.

Dopo la pausa estiva, in assenza di una specifica convocazione da parte della Sindaca Raggi, verrà indetto lo stato di agitazione del Corpo, che necessita di un progetto condiviso, così come i cittadini hanno bisogno di servizi adeguati anche nelle zone periferiche.

Scarica il comunicato congiunto Fp Cgil Roma Lazio e Cisl Fp Roma Capitale Rieti

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI

RESPONSABILE:

TELEFONO:

INDIRIZZO E-MAIL:

 

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy