testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

“Sulla sicurezza e la qualità dei servizi di asili nido e scuole dell’infanzia nessun passo avanti. Dopo la proclamazione dello stato di agitazione del personale docente, è fallito anche il tentativo di conciliazione che si è tenuto oggi”. Così Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Roma Capitale Rieti, Uil Fpl Roma e Lazio e Csa che chiedono alla sindaca Virginia Raggi di “riassumere la delega al sistema educativo scolastico, vista la totale mancanza di indirizzo politico e organizzativo in cui è lasciato il settore”, e indicono per il prossimo 27 ottobre in Campidoglio il presidio di protesta di educatrici e insegnanti.

“Nonostante le proposte concrete che abbiamo avanzato anche all’incontro di oggi, da parte dell’amministrazione non un solo punto è stato preso in considerazione in maniera chiara e comprensibile. L’assessora Veronica Mammì e la dirigenza del Dipartimento servizi educativi si sono limitate a parlare di futuri quanto generici “tavoli” e a riproporre presunte soluzioni che costituiscono la mera riproposizione di un quadro operativo ben lontano da una qualsiasi configurazione organizzativa adeguata a fronteggiare la contingenza emergenziale in atto. Nulla di concreto, dunque, ma solo l’espressione di un atteggiamento dilatorio, sintetizzato nell’imbarazzante ed elusiva espressione dell’assessora Mammì ‘fate quello che volete, arrivederci’”, attaccano i sindacati.

Cgil Cisl Uil e Csa continuano a denunciare “la disorganizzazione legata alla sostituzione dei docenti assenti con personale ad orario giornaliero ridotto, allo spostamenti dei lavoratori tra strutture diverse, alla mancata copertura dell’orario scolastico per i bambini diversamente abili, alle carenze nella distribuzione dei dispositivi di protezione individuale (Dpi), ai ritardi ingiustificati nella costituzione delle Commissioni Covid e ai Referenti Covid lasciati senza formazione e senza adeguato supporto”. Il che si traduce in “servizi molto lontani dalle esigenze di bambini e famiglie, e in un rischio crescente per la salute e la sicurezza, considerata l’accelerazione della curva dei contagi”.

“Abbiamo proposto all’amministrazione, la costituzione di una commissione paritetica ad hoc sulle specifiche criticità correlate all’emergenza da Covid-19 così come previsto da specifico accordo nazionale tra organizzazioni sindacali e Governo”, proseguono i sindacati. “E’ stata altresì dimostrata la necessità della revoca di circolari emanate dal Dipartimento Servizi Educativi che si pongono in aperto e paradossale contrasto con le linee-guida elaborate in precedenza dallo stesso Dipartimento a tutela della salute del personale operante e della delicata utenza. Ma anche in questo caso, da Roma Capitale nessuna decisione è stata presa”.

“Il settore educativo scolastico è lasciato allo sbando più totale. Chiediamo alla sindaca Raggi di intervenire subito”, concludono le federazioni di categoria di Cgil Cisl Uil e Csa. “Noi andremo avanti con tutte le iniziative necessarie, a partire dal presidio del 27 ottobre dalle 16 alle 19 in Campidoglio”.

LOCANDINA DEL PRESIDIO (PDF)

NOTA ALLA STAMPA 26-10-2020

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI

RESPONSABILE: Marco D'Emilia

INDIRIZZO E-MAIL: romacapitale@lazio.cgil.it

 

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy