testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

"Assordante il silenzio della Sindaca Virginia Raggi sulla comprensibile apprensione dei lavoratori AMA e sulle ineccepibili richieste (leggile) delle rappresentanze aziendali. Si continua a tentennare, non c'è un piano sui servizi essenziali, ad esempio legato alla riduzione dei servizi di trasporto pubblico. Bisogna rallentare le attività, garantire servizi minimi, spingere l'acceleratore sul lavoro agile per ridurre il rischio di contagi. Non sono stati nemmeno chiusi gli uffici non indispensabili né si è voluto raggiungere un accordo sulle gestione del personale. Per citare l'esempio più paradossale, i Cimiteri Capitolini sono ancora aperti al pubblico nonostante la loro frequentazione sia chiaramente vietata dal Dpcm dell'11 marzo". Con una nota, a due giorni dall'appello lanciato alla Sindaca Raggi, la Cgil di Roma e del Lazio e la Fp Cgil Roma e Lazio, chiamano in causa la Regione Lazio affinché intervenga a tutela dei lavoratori di AMA e dei servizi che offrono, quindi della salute pubblica".
 
"Va applicato il protocollo sottoscritto oggi tra Governo e organizzazioni sindacali. Non abbiamo ricevuto i dati sullo smartworking né è chiaro come e a chi venga concesso. Non esiste un piano si sanificazione di tutti i mezzi aziendali e degli ambienti di lavoro. Ci risultano interventi, per altro molto tardivi, ma non viene data una road map. Non ci sono protocolli e assistiamo increduli a scene di quotidiana irresponsabilità - continua la nota - con mezzi leggeri occupati da tre operai o pulmini aziendali impiegati a pieno carico come se fossimo in una fase ordinaria. Gli operai lavorano nell'incertezza subendo per giunta l'incomprensibile punizione della chiusura delle docce".
 
"In Ama é il caos. Lo ripetiamo. Siamo sbalorditi da questa sciatteria - concludono Cgil ed Fp - e iniziamo a credere di essere i soli a voler difendere la tenuta dei servizi nella Capitale d'Italia".
 
Scarica il volantino 
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI FP AMA

RESPONSABILE:
Alessandro Russo

TELEFONO:
06468431

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcgilama@gmail.com

Facebook: @AmaFpCgil

Twitter: @amafpcgil

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy