testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Proiettatelo sulle vostre vite prima di giudicare: siete nel vostro ufficio, nel vostro posto di lavoro, immersi nella vita di tutti i giorni, e spuntano con le telecamere, vi riprendono per poi mettervi alla berlina in prima serata.
 
Ai lavoratori di AMA sta capitando troppo spesso. E non sono i dirigenti a dover spiegare. Sono loro, quelli che scendono in strada, da anni senza mezzi e con ranghi ridotti, costretti a raccogliere manualmente i rifiuti. Da mesi mandati a lavorare senza divise. Additati a pubblica vergogna, indicati come la causa di tutti i mali. Rei, ad esempio, di aver preso un caffè o di usare il cellulare. Come se quella pausa non spettasse a loro come ad ogni altro lavoratore (voi non la fate le pause?) o se quel cellulare non fosse una dotazione aziendale, usata per consuntivare il servizio.
 
Da settimane il programma "Le Iene" continua a inseguire e riprendere operatori di AMA. In un servizio hanno persino divulgato immagini con i volti dei lavoratori. Pensiamo sia una violenza gratuita, una lesione dei loro diritti.
 
Dopo la segnalazione di due nostri iscritti, ripresi contro il loro consenso, abbiamo diffidato tramite i nostri legali la redazione dal procedere con certi metodi.
 
Il diritto di cronaca è sacrosanto. Ma non prevede l'umiliazione delle persone.
 
L'effetto di questa campagna contro AMA e soprattutto contro i suoi operatori è dirompente: la gente per strada continua a prendere di punta gli operai e si sta diffondendo l'idea che sia inutile differenziare.
 
È grave che nessuno in direzione AMA abbia ritenuto necessario intervenire, metterci la faccia. Che non abbia preteso di rettificare quando sono state riportate informazioni distorte o che, in caso di errori, non abbia spiegato come si intende procedere per correggerli.
 
L'azienda dovrebbe poi tutelare la dignità dei propri dipendenti, patrocinare i lavoratori sbattuti in prima serata senza nemmeno il volto oscurato, nel caso in cui vogliano procedere per le vie legali (in sua assenza, li assisteremo noi). Va difeso chi, avendo come uniche colpe quelle di fare il proprio lavoro e di indossare una divisa AMA, viene gratuitamente umiliato e additato a pubblica vergogna.
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI FP AMA

RESPONSABILE:
Alessandro Russo

TELEFONO:
06468431

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcgilama@gmail.com

Facebook: @AmaFpCgil

Twitter: @amafpcgil

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy