FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

I mercati rionali sono una realtà importante nella Capitale. Luoghi che vivono dentro i quartieri, spazi di socializzazione, posti di lavoro per gli esercenti. In alcuni casi pezzi di storia.

Ma per gli operai AMA sono una vera e propria condanna. La cattiva organizzazione li obbliga di fatto a differenziare manualmente i rifiuti: non sono state previste modalità per permettere ai commercianti di differenziare (nemmeno per l'umido); le procedure esistenti, a dire il vero abbastanza esili, non vengono rispettate da Roma Capitale e la Polizia Municipale in assenza di disposizioni chiare non presidia la chiusura dei mercati, non transenna, non garantisce la sicurezza degli operatori.

Il risultato della cattiva organizzazione sono pessime condizioni di lavoro e pessimi risultati dal punto di vista del decoro. I rifiuti abbandonati a terra, per quanto si intervenga per tempo e con sforzi inspiegabili per un'attività di routine, si spargono per i quartieri (con buona pace degli operatori che, per quanto possano provare a tamponare i danni, stanno facendo altro e non possono evitarlo con questa organizzazione del lavoro).

Oggi abbiamo scelto Piazza Ankara (guarda il video), centro di Roma, tra Ponte Milvio e Piazza del Popolo. Ma le stesse criticità (in alcuni casi più allarmanti viste le dimensioni di altri mercati) sono riscontrabili altrove: da Porta Portese - "Ogni maledetta domenica" per dirla con Al Pacino - passando per Via Olanda e Campo De' Fiori, fino ad arrivare in periferia i problemi sono gli stessi, i disagi enormi, le condizioni di lavoro inaccettabili.

Servirebbe un raccordo tra Municipi, Polizia Municipale ed Ama, per garantire pochi accorgimenti e un'organizzazione modulata in base alle esigenze del territorio. Il rifiuto dovrebbero differenziarlo i commercianti e conferirlo in appositi bidoni o cassonetti: umido, plastica, carta, vetro e indifferenziato. Bisognerebbe garantire anche la possibilità ai cittadini che frequentano questi spazi di gettare i rifiuti. La Polizia Municipale dovrebbe arrivare prima della chiusura, garantire che i commercianti smettano di esercitare oltre gli orari consentiti, transennare per mettere in sicurezza. A quel punto sarebbe più semplice raccogliere i rifiuti, spazzare e permettere alle società che operano in appalto di effettuare il servizio.

E soprattutto si eviterebbe che - tra gabbiani, vento e cumuli - i rifiuti si disperdano nelle strade.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI FP AMA

RESPONSABILE:
Alessandro Russo

TELEFONO:
06468431

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcgilama@gmail.com

Facebook: @AmaFpCgil

Twitter: @amafpcgil

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy