FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Come già riportato l'1 Aprile in occasione dell'incontro aziendale sul sistema SAP, AMA ha finalmente (anche se tardivamente) ammesso gli errori ed iniziato a correggerli. Le pesanti decurtazioni verificatesi negli ultimi due mesi e denunciate sia formalmente all'azienda che a mezzo stampa sono frutto di sottovalutazioni e in alcuni casi di vere e proprie interpretazioni di accordi, tanto arbitrarie quanto intollerabili.

Come chiesto unitariamente al tavolo l'azienda ha predisposto la Comunicazione di servizio 34 (clicca per scaricarla) per spiegare ai lavoratori come si procederà al recupero del maltolto.

Mentre vengono apportate le modifiche al sistema, in questi giorni verranno effettuati i pagamenti per le decurtazioni superiori ai 100 euro netti riguardanti alcune voci (turno festivo, recupero buono vitto, indennità D1, indennità parcheggio per le zone 1D e 1G). Le somme inferiori verranno saldate con lo stipendio di aprile.

Restano da sanare altre voci, in alcuni casi molto corpose, che dovrebbero essere anch'esse corrisposte con la mensilità di aprile (ex art. 10, maggiore produttività del lunedì, indennità derivanti da accordi sindacali). Il condizionale è d'obbligo viste le difficoltà che sta avendo l'azienda su questo fronte. Continueremo a pressare la direzione affinchè si apportino tutte le necessarie modifiche al sistema e si chiudano le eventuali consuntivazioni mancanti nelle singole unità produttive. Sarebbe ingiusto sanare solo alcune situazioni e lasciare altri con pesanti decurtazioni, in alcuni casi superiori ai 200 euro al mese. Ai lavorartori consigliamo di continuare a segnalarci i problemi e, qualora non lo avessero ancora fatto, a comunicarli all'azienda tramitè l'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più