testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 

“La notizia positiva è che c’è il via libera al dissequestro della linea di trattamento del Tmb di Rocca Cencia, finora non operativa: è stata così ripristinata la piena la funzionalità dello stabilimento. E’ stata inoltre installata nel sito una centralina dell’Arpa a controllo della qualità dell’aria, anche per la tutela dei lavoratori. Sulla chiusura dell'officina Salario e sulla gestione del personale ci sono stati passi in avanti ma non risolutivi. Tuttavia resta il fatto che è ormai imprescindibile un ‘patto per il decoro’ di Roma: sindacato, Ama e Campidoglio devono fare uno sforzo comune per uscire da una situazione che sta portando la Capitale al degrado e sta preoccupando e sovraccaricando ingiustamente le 8mila famiglie dei dipendenti dell’azienda. E in azienda serve un tavolo permanente sul servizio e sulla qualità del lavoro. Il tavolo di oggi ha inoltre stabilito una convocazione urgente per risolvere i problemi delle buste paga causati dal Sap, riunioni fissata per lunedì”. E’ quanto si legge in una nota di Natale Di Cola, Marino Masucci e Massimo Cicco, segretari generali di Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel, dopo l’incontro con Ama che si è tenuto oggi presso la Direzione Generale dell’azienda, in via Calderon de la Barca.

“E’ ormai inutile indugiare sulle cause che stanno portando Ama sull’orlo del baratro – proseguono i sindacalisti -, l’importante è aver chiaro che la situazione è grave e servono soluzioni rapide, solide e condivise per il raggiungimento di due obiettivi: la stabilità finanziaria e organizzativa dell’azienda e il recupero dell’immagine che la Capitale d’Italia merita. I cittadini sono stanchi della situazione indecorosa in cui versa la città e i lavoratori sono troppo spesso i capri espiatori di una situazione di cui certo non sono responsabili, facendo peraltro fronte alla carenza di mezzi disponibili, di organico e di impianti”.

“Non è più accettabile alcuna giustificazione per rimandare l’elaborazione di soluzioni concrete – concludono -: come ripetiamo da tempo, perseverare nell’attendismo sarebbe imperdonabile. Faremo tutto il possibile per imboccare una via di uscita dall’inaccettabile impasse in cui è caduta Ama”.

Il Comunicato ai lavoratori (PDF)

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI FP AMA

RESPONSABILE:
Alessandro Russo

TELEFONO:
06468431

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcgilama@gmail.com

Facebook: @AmaFpCgil

Twitter: @amafpcgil

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy