"Ieri abbiamo scritto all'amministratore unico Bagatti facendo un atto di responsabilità e rendendoci disponibili a riaprire i tavoli aziendali, visto l'incendio al Tmb di Rocca Cencia e l'imminente chiusura dell'officina Salario a seguito delle ispezioni dello Spresal. La risposta goffa è stata una convocazione del tavolo aziendale, poi revocato. Mentre Ama cola a picco il management si nasconde. Qualora si dovesse procedere con ulteriori
trasferimenti in violazione del contratto nazionale, inoltre, agiremo legalmente contro quella che si configura come una condotta antisindacale". Con una nota Natale Di Cola, Marino Masucci e Massimo Cicco, segretari generali di Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel, lanciano l'allarme sulla crisi dell'azienda.

"Rischiamo un'altra emergenza rifiuti e che un'autorimessa che copre un'area importante della Capitale non possa fare nemmeno la manutenzione ordinaria. E ad essere preoccupati e mostrare senso di responsabilità siamo solo noi. La Sindaca Raggi faccia in fretta - concludono i sindacati - e metta questa azienda in condizioni di evitare il peggio".


Le segreterie di Roma e Lazio
Natale Di Cola, Fp Cgil
Marino Masucci, Fit Cisl
Massimo Cicco, Fiadel

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy