testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

“Roma è sporca. Non è una domanda, è una realtà. Le dichiarazioni pasticciate dell’AU di AMA Stefano Zaghis, apprese dalla stampa a commento del sondaggio della rivista americana Time Out, che riporta Roma tra le città più sporche del mondo, non fanno che rimarcare l’inadeguatezza dell’attuale Amministratore e il tentativo ripetuto di mascherare una realtà che è ormai innegabile. Siamo di fronte agli effetti disastrosi, a livello ambientale e sanitario, così come sulle condizioni di lavoro, di una gestione fallimentare e inefficiente, che in 5 anni non ha saputo dare slancio e soluzioni concrete alle criticità del sistema, e oggi lascia un’eredità ancor più pesante ai cittadini della Capitale e a chi la governerà”, così Natale di Cola, Cgil Roma e Lazio, e Giancarlo Cenciarelli, Fp Cgil Roma e Lazio.

“Zaghis farebbe bene a tacere: non è con la stampa che si difende “ la più grande azienda di igiene urbana d'Europa” e il “lavoro di migliaia di operatori ecologici”. L’Azienda è stata volutamente sottodimensionata e paralizzata: in questi anni le condizioni di lavoro sono peggiorate, e per l’inefficienza del management i lavoratori sono stati lasciati soli a compensare le mancate direttive sull’organizzazione del lavoro e sullo stato degli impianti, sempre più al limite della sicurezza, e non solo per la gestione dei protocolli in pandemia. Relazioni sindacali difficilissime, e risposte insufficienti: la mancanza di programmazione ha portato al disastro attuale, e sui lavoratori ricadono anche le esasperazioni dei cittadini per l’inefficienza del servizio. Nulla di concreto è stato fatto per tutelarli dalle continue e sempre maggiori aggressioni”, proseguono Di Cola e Cenciarelli.

“La crisi ciclica dei rifiuti di Roma e del Lazio, e le ripercussioni su tutto il sistema, non hanno trovato in 5 anni alcun impegno politico chiaro da parte di Roma Capitale e nessun piano industriale degno di questo nome, con la predisposizione di investimenti seri per il raggiungimento dell’autosufficienza impiantistica e della chiusura del ciclo. A Roma si è scelto di non scegliere. Oggi AMA ha meno impianti, la bagarre sulle discariche – una parte del problema – ha distratto strumentalmente dalle vere responsabilità politiche di chi pesa per il 70% sulla complessiva produzione di rifiuti dell’intera regione”.

“La “complessità” di Roma non è un aspetto dietro cui nascondersi ma una realtà che richiede scelte politiche e aziendali all’altezza: Zaghis dovrebbe interrogarsi se a questa sfida sia stato e sarà in grado di dare risposta. Continuiamo a sostenere che all’azienda pubblica dei rifiuti serva una dimensione industriale, di portata regionale, e investimenti che mirino alla sostenibilità e alla chiusura del ciclo, per evitare ricadute sull’intero sistema regionale e sugli altri territori, e per uscire dall’onerosa e inefficiente dipendenza da privati e altre regioni. Fino ad oggi, questo non è accaduto, e l’amministratore di Ama, così come la Sindaca Raggi, ne hanno la piena responsabilità”, concludono i sindacalisti.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI FP AMA

RESPONSABILE:

TELEFONO:
06468431

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcgilama@gmail.com

Facebook: @AmaFpCgil

Twitter: @amafpcgil

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy