testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

“Un’altra estate, un’altra emergenza annunciata, un nuovo e sempre più grave rischio per la salute pubblica della Capitale”, così Natale Di Cola, Cgil di Roma e Lazio, e Giancarlo Cenciarelli, Fp Cgil Roma e Lazio.

“Sono anni che denunciamo il progressivo deterioramento di servizi e condizioni di lavoro. Di pochi giorni fa la fotografia impietosa di cosa pensano i cittadini di Roma dei principali servizi pubblici, come trasporti e rifiuti. Nell’analisi di Cgil e Federconsumatori, la valutazione complessiva è insufficiente e, in prospettiva, i romani non nutrono speranze per il futuro. L’attuale crisi – dovuta alle ridotte disponibilità dell’impiantistica esterna alla città - è la conseguenza, prevedibile e annunciata, di quanto diciamo da sempre: è il prezzo della mancata autonomia del ciclo rifiuti nella Capitale e della mancanza di progettualità, che hanno segnato tutta l’amministrazione Raggi, il non governo dell’Azienda da parte del socio unico, Roma Capitale, con un cambio di 7 amministratori in 5 anni, e un ritardo enorme nell’investimento su impianti, mezzi, personale. Nel mezzo, condizioni di lavoro sempre più critiche, maggiori rischi per la salute, nessun avanzamento della differenziata, disastri nella gestione degli appalti, come le utenze non domestiche”, proseguono Di Cola e Cenciarelli.

“Se non ci sono sbocchi, la raccolta si ferma: un principio molto semplice che spesso, tra rimpalli di responsabilità e il venir meno di un dovere di ogni datore di lavoro, quello di tutelare anche la dignità, oltre che rispettare i diritti dei propri lavoratori, viene nascosto dietro il più semplice attacco all’ultimo anello della catena: che sia l’operatore in strada, l’addetto ai servizi cimiteriali, il personale amministrativo al front office. Lavoratori che già portano sulle spalle tutte le conseguenze di un’incapacità progettuale e gestionale di base. Basti pensare ai rischi professionali che comporta la raccolta manuale da terra. Che hanno subito i ritardi di sicurezza durante l’emergenza pandemica, e che oggi sono i primi a rischiare infezioni e malattie”, proseguono i sindacalisti.

“Che i lavoratori non sono bersagli lo diciamo da tempo. Ora, continuiamo a lanciare un appello per la città e per la dignità di lavoratori, cittadini e per chi sta tornando a visitare la Capitale. Le nostre proposte sono sul tavolo da tempo. Continuiamo ancora e a maggior ragione a cercare un confronto politico con Roma Capitale e sul merito di ogni questione aperta con l’azienda, per cui lo stato di agitazione resta. La mobilitazione per Roma è aperta e su ogni fronte siamo in prima linea per la tutela di lavoro e servizi”, concludono.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI FP AMA

RESPONSABILE:
Alessandro Russo

TELEFONO:
06468431

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcgilama@gmail.com

Facebook: @AmaFpCgil

Twitter: @amafpcgil

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy