testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 Ama e appalti: lo sciopero dei lavoratori e delle lavoratrici di AMA e dei servizi esternalizzati, indetto per il 28 maggio, è stato differito dalle segreterie regionali di Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel al 28 giugno prossimo.  Diverse le motivazioni alla base della decisione: “In queste settimane – dichiarano  i segretari generali di Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel Roma e Lazio, Giancarlo Cenciarelli, Marino Masucci e Massimo Cicco - si sono riaperti i tavoli di confronto in azienda, che, per quanto ancora non abbiano portato ad accordi definiti, hanno visto una ripresa del dialogo. Al momento, c’è soltanto un pre-accordo per il settore cimiteriale, una delle aree più critiche della vertenza, che resta aperta”. 

“Sono stati calendarizzati nei prossimi giorni i tavoli sul lavoro domenicale, per la prosecuzione del confronto sui cimiteri e sulla mobilità del personale: tra la fine di maggio e i primi giorni di giugno avremo un quadro più completo di quali saranno gli effettivi impegni che l’azienda sarà disposta a prendere”, proseguono i segretari generali.      

“Le procedure assunzionali stanno andando avanti, anche se a rilento. Ricordiamo che, oltre alla grave carenza impiantistica, la penuria di operatori e mezzi è alla base del progressivo peggioramento del servizio e delle condizioni di lavoro di questi anni, soprattutto in termini di sicurezza e tutela della salute di lavoratrici e lavoratori”.  

“Resta poi da ridefinire il quadro degli appalti, il tema più scivoloso e su cui AMA non ha ancora aperto una discussione vera. In questi mesi sono state violate le norme contrattuali più basilari, si sono effettuati affidamenti diretti anche sul porta a porta delle utenze domestiche, fatto inedito, senza nessun confronto e senza nessun possibile controllo. Violazioni che si sommano alla disastrosa gestione del servizio porta a porta per le Und (Utenze Non Domestiche), che ha portato a 150 licenziamenti nel 2020 e mette a rischio almeno altri 300 posti di lavoro, per la scelta dell’Azienda di reinternalizzare una parte del servizio per fare cassa. Internalizzazione che, ovviamente, avrà una diretta ricaduta sugli stessi operatori di AMA, in assenza di assunzioni sufficienti a riequilibrare il servizio. Non basta il piano assunzionale 2021, che a mala pena copre i pensionamenti degli ultimi due anni. Il rischio è un peggioramento del servizio e, vista la volontà di disapplicare il contratto di settore, un impoverimento del lavoro senza precedenti”,  aggiungono Cenciarelli, Masucci e Cicco.

“Senza passi avanti risolutivi sulle questioni aperte, ogni piano di rilancio dell’azienda non avrà gambe per sostenersi”, concludono i segretari generali di Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel.

IL VOLANTINO (PDF)

La nota di differimento - 25 maggio 2021

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI FP AMA

RESPONSABILE:
Alessandro Russo

TELEFONO:
06468431

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcgilama@gmail.com

Facebook: @AmaFpCgil

Twitter: @amafpcgil

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy