FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Così la Fp Cgil Roma e Lazio commenta gli attacchi e il bombing social per aver risposto all’appello della Cgil di Roma e Lazio e aver raccolto vestiario, giocattoli e materassi e averli portati col proprio furgone alla famiglia Omerovic, assediata nella casa di cui è legittima assegnataria e minacciata da gruppi fascisti.

Rispondiamo alle minacce con la solidarietà e la non discriminazione. Sono i valori generali in cui tutti i lavoratori che fanno parte della Cgil si riconoscono. Per lavoro siamo soccorritori di ambulanze, vigili del fuoco, assistiamo disabili e anziani, eroghiamo servizi pubblici e diritti. Per cultura raccogliamo cibo, attiviamo casse di resistenza quando ci sono lavoratori licenziati, persone in difficoltà, terremoti e altre calamità. E interveniamo anche dove dovrebbe essere lo Stato a uscire dall’inerzia e a garantire in modo diffuso ed efficace i diritti di tutte e tutti. I nostri mezzi e le nostre strutture sono nei luoghi di lavoro, così come a disposizione delle associazioni che operano per la solidarietà, senza fini di lucro. In una rete sociale democratica e inclusiva. Siamo stati nei luoghi del terremoto, come a l’Aquila e Amatrice, per portare aiuto e servizi, come al fianco dei lavoratori dell’IDI, quando le casse erano state svuotate dalla proprietà, o dei lavoratori degli appalti di pulizia nelle scuole a Latina. Il nostro furgone è il simbolo di ogni lotta, per i lavoratori e per i cittadini, per la giustizia, i diritti e la solidarietà.
Chi vede contraddizioni nella nostra azione ovviamente guarda con lenti appannate dall’odio e dal conflitto. Rispondiamo con un’arma potente, quella della solidarietà, contro chi minaccia stupri e roghi, getta bombe carta e si fa forte della violenza. Gli attacchi, di cui valuteremo in alcuni casi gli aspetti legali, non fanno altro che convincerci che siamo e continuiamo a stare dalla parte giusta, dalla parte della Costituzione. Questo vuol dire essere antirazzisti e antifascisti. Questa è, da sempre, la Cgil”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy