FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

La Funzione Pubblica Cgil di Roma e del Lazio, come la Flc regionale, ha proclamato lo sciopero generale di tutti i comparti per l’intera giornata di domani, venerdì 8 marzo, per sostenere l’adesione allo sciopero globale delle donne promosso da Non Una di Meno, che da anni viene fatto vivere con azioni di protesta e manifestazioni in oltre 50 paesi del mondo e in tante città italiane. Da sempre al loro fianco nella lotta alle discriminazioni e alla violenza, dalla difesa dei diritti conquistati alle nuove battaglie per le parità d’accesso al lavoro, per la crescita professionale, per l’accesso ai servizi, saremo con loro domani pomeriggio al corteo che partirà da Piazza Vittorio alle ore 17, fino a Madonna di Loreto. Sempre domani, oltre alle tante iniziative che si terranno nei posti di lavoro, la mattina saremo all’assemblea unitaria Cgil Cisl Uil nazionale al Policlinico Umberto I sulla contrattazione di genere, “Si chiamerà futura”.

“Il tema della democrazia paritaria e della cultura di genere – dichiara la Fp Cgil di Roma e Lazio - è al centro della nostra azione tutto l’anno, non solo l’8 marzo. Come emerso oggi nel corso della nostra iniziativa in Città metropolitana di Roma, “Verso le donne, prendiamoci cura dei nostri diritti”, ancora oggi le donne pagano un approccio culturale che le vuole prime nella cura familiare, prime nel rinunciare a qualunque cosa non rientri nel perimetro dei “doveri”. Senza considerare che la disparità salariale e di opportunità di accesso al lavoro è un danno economico per l’intero paese. Rispetto, dignità, non conflittualità tra uomini e donne, fuori dalla gabbia di stereotipi: è una questione di cultura. Dal pubblico – prosegue la Fp  Cgil di Roma e Lazio - viene la programmazione di un sistema sociale che ponga le condizioni per il pieno esercizio della parità di genere.

Gli anni di lotte hanno portato a conquiste di civiltà, che ancora oggi non sono pienamente esigibili, quanto piuttosto sotto attacco: se manca una rete di servizi educativi, se chiudono i consultori, se si lasciano i servizi per l’interruzione volontaria di gravidanza a pochi medici che rinunciano a crescere nella loro  vita professionale per difendere un servizio mai uscito dal margine nella programmazione dell’offerta sanitaria, se si tagliano le gambe alle associazioni che suppliscono alla ridotta offerta di servizi sociali, dai centri antiviolenza a una rete di protezione complessiva alle donne, italiane e straniere, che subiscono violenze e sopraffazioni, dalla sicurezza all’assistenza sanitaria, psicologica e legale, è il pubblico stesso che fallisce nella sua missione. Noi che eroghiamo servizi pubblici, di tutti e per tutti, siamo ogni giorno in prima linea per promuovere un’evoluzione culturale che contrasti l’inaccettabile ritorno al passato che vediamo nelle attuali proposte di legge sulle politiche sociali e per la famiglia” .

Vai alla pagina delle iniziative con info sullo sciopero e precedente comunicato Fp - Flc Cgil Roma e Lazio

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy