testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Si chiude positivamente l’incontro all’ispettorato del Lavoro per salvaguardare i circa 100 lavoratori interessati dal cambio appalto dei “Servizi integrati di manutenzione del patrimonio immobiliare di Ateneo” dell’Università Roma Tre.
Il 17 dicembre la sola Fp Cgil aveva siglato la pre-intesa sul cambio appalto, approvata in modo pressoché unanime dai lavoratori in assemblea due giorni dopo. Ma la coop subentrante, la Coopservice s.c.p.a., stava per sottoporre ai lavoratori una lettera di assunzione che avrebbe messo in discussione i livelli retributivi e le tutele normative previste dal CCNL delle cooperative sociali e incluse sia nel capitolato d’appalto (art. 22) che nell’accordo sottoscritto dalla stessa Coop. Per questo, la Fp Cgil, in presidio sotto l’Università venerdì 21, aveva chiesto la convocazione all’Ispettorato del Lavoro e l’impegno da parte dell’Università a farsi garante della salvaguardia dei lavoratori. Si tratta di lavoratori e lavoratrici impiegati da oltre 20 anni nei servizi ausiliari, strumentali e di portineria nelle sedi dell’Università. Oggi, con la sigla dell’accordo all’Ispettorato del Lavoro, anche le altre organizzazioni sindacali, Uil e Usi, sottoscrivono l’intesa: salvi i livelli retributivi e le condizioni normative preesistenti, incluse quelle derivanti dagli accordi di secondo livello e dai risultati raggiunti dalla Fp Cgil con le varie aziende che nel tempo si sono succedute nella gestione del servizio (quattordicesima mensilità, buoni pasto, etc.). Tutti i lavoratori saranno assunti con contratti ante Jobs Act e i passaggi saranno formalizzati i primi giorni del 2019. In particolare, per evitare il trasferimento dei lavoratori ad altre destinazioni, si chiarisce che il personale sarà impiegato esclusivamente all’interno dell’appalto con l’Università.
Come spesso accade nei cambi gestione, come nelle offerte al massimo ribasso, attraverso supposte sofferenze economiche si è cercato di aggirare il rispetto delle norme, paventando futuri esuberi. La Fp Cgil ha sgombrato il campo da questa ipotesi, ricordando che la stessa Università ha definito l’offerta congrua e che, piuttosto, per la coop ci sono maggiori margini economici a seguito della progressiva riduzione del personale. “Come già accaduto con la gestione commissariale della precedente appaltatrice, la Formula Sociale Onlus, che aveva provato a giustificare azioni arbitrarie e unilaterali con presunte motivazioni di insostenibilità economica ed esuberi, ci siamo mossi nel rispetto degli accordi e a difesa dei lavoratori. Che la coop subentrante abbia inserito nell’accordo una presunta eccedenza di personale, in premessa, resta una loro autonoma e legittima valutazione. Se dovessero insorgere effettive difficoltà economiche, riporteremo al tavolo di confronto, come prevedono norme e contratto, le dovute valutazioni. Per il momento i lavoratori e le lavoratrici sono stati, come sempre, salvaguardati, grazie alla nostra decisa azione a loro tutela”. Così in una nota la Fp Cgil di Roma e Lazio.

Il verbale di accordo in ITL del 28.12 e l'intesa del 17.12

Il comunicato ai lavoratori

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy