testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Finalmente viene riconosciuto il giusto livello di inquadramento per gli assistenti specialistici della cooperativa Itinera.
Nonostante il Presidente della Cooperativa abbia rifiutato ogni accordo, facendosi forte dell’indicazione ricevuta dalle Centrali Cooperative di negare il livello, abbiamo portato avanti la nostra vertenza e abbiamo interessato anche la Regione Lazio.
Con l’inizio del nuovo anno scolastico, a settembre, le lavoratrici e i lavoratori che svolgono attività di assistenza specialistica in favore di alunni con disabilità saranno inquadrati al livello D1.

Nonostante la soddisfazione rispetto al buon esito del nostro impegno a favore degli assistenti specialistici, non possiamo fare a meno di restare perplessi nell’apprendere che le Centrali Cooperative decidano di negare il giusto livello di inquadramento previsto per le mansioni e le attività svolte e a fronte della copertura economica della Regione Lazio.

Finalmente questa vertenza ha ripristinato un diritto importante non solo in termini economici ma soprattutto in termini di dignità e riconoscimento della professionalità e del ruolo educativo, proprio di questi lavoratori e che va esteso a tutte le lavoratrici e i lavoratori che svolgono questa attività nella nostra regione, senza esitazione. Il futuro e il riconoscimento dei diritti dei lavoratori vanno di pari passo con l’adeguato riconoscimento della loro professionalità.

Sono ancora troppe le cooperative che non applicano il giusto inquadramento, che non rispettano il CCNL e quello territoriale.
Ricordiamo, su tutto, il caso eclatante per gli OEPA-ex AEC del Comune di Roma e non solo, ai quali ancora non viene riconosciuto tale diritto, nonostante sia già stato previsto nel Contratto di secondo livello 2013 – 2015.

Ci auguriamo infine che le Centrali Cooperative non frappongano ulteriori ritardi nella trattativa per il rinnovo del secondo livello regionale ma certamente, per quello che ci riguarda, come FP CGIL non esiteremo ad aprire tutte le vertenze necessarie per vincere le resistenze, le opposizioni dei presidenti delle cooperative e ottenere il riconoscimento della dignità, della professionalità e dei diritti di tutte le lavoratrici e i lavoratori.

Per ogni info utile contattaci a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy