testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 “In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Rilancio annunciata dal Premier Conte per questa settimana, abbiamo avuto modo di verificare la modifica dell’art.48 del Cura Italia: finalmente viene risolta quella totale e insensata anomalia sulla incompatibilità tra la riconversione dei servizi scolastici ed educativi e l’utilizzo degli ammortizzatori sociali a compensazione delle ore che non si possono lavorare” così dichiarano in una nota congiunta Giovanni Alfonsi della FP CGIL Roma Lazio, Massimiliano Morgante della CISL FP Roma Capitale Rieti e Massimo Mattei della UIL FPL Roma Lazio.

“Un sollievo per tutte le addette e gli addetti impiegati nei diversi servizi coinvolti come l’assistenza educativa scolastica agli alunni disabili o gli asili nido e le scuole materne (in convenzione, concessione e privati) che in questi mesi hanno visto bloccata la propria attività lavorativa con conseguente crescita del disagio legato ai mancati pagamenti, ancora, degli ammortizzatori sociali da parte dell’Inps.”

“Siamo convinti, infatti – proseguono nella nota Cgil, CISL e Uil delle funzioni pubbliche – che le novità introdotte sbloccheranno diverse situazioni ferme ancora al palo, soprattutto in alcuni Municipi di Roma Capitale. Infatti nonostante l’ottimo accordo sottoscritto 10 giorni fa con l’Assessora Mammì, tutti gli assessori municipali, le centrali cooperative e le OO.SS., il servizio è stato riconvertito ed è ripartito solo nella metà dei municipi, lasciando ancora migliaia di famiglie senza assistenza e più di 1000 tra lavoratrici e lavoratori nel caos e nell’incertezza.”

“Per questi motivi – così si conclude la nota – abbiamo chiesto all’Assessora Mammì un incontro non solo per aggiornare l’accordo alle nuove disposizioni di legge, ma anche per fare il punto sulla sua applicazione. L’assessora Mammì, che ringraziamo per la celerità e l’attenzione al tema, ha prontamente raccolto il nostro appello ed ha già convocato un incontro in forma telematica con tutti i soggetti firmatari dell’accordo per giovedì 21 maggio alle ore 14.00. E’ giunto il momento di far ripartire dappertutto il servizio Oepa, non possiamo più aspettare, i lavoratori non possono più aspettare, i cittadini non possono più aspettare e ogni Municipio deve profondere in questo momento il massimo sforzo per garantire la ripresa di un servizio indispensabile per le fasce più deboli della cittadinanza”

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy