testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

E’ possibile non dare la propria disponibilità esclusivamente per una delle nuove forme previste per la rimodulazione?
Sì, si può dare la disponibilità a lavorare a distanza, o a domicilio o a entrambe.

Se mi dovessi rifiutare a dare disponibilità per l’intervento domiciliare, qualora per uno o più degli alunni a me assegnati si rendesse necessario, potrei usufruire per le ore non lavorate di FIS?
No, ma le ore tornano in disponibilità e verranno usate per far svolgere al lavoratore in altre attività.

Se non dovessi dare la disponibilità alle prestazioni domiciliare possono licenziarmi?
No, in quanto è una modifica della modalità di svolgimento dell’attività lavorativa che deve essere concordata tra le parti.

Se non dovessi dare la mia disponibilità a lavorare in tutte le altre forme previste a seguito della rimodulazione per il mio intero monte ore contrattuale potrei avere accesso al FIS?
No, la rimodulazione al 100% non può coesistere con il FIS.

Se una delle famiglie di uno o più alunni che seguo rifiuta il servizio cosa succede?
Le ore sono a disposizione delle attività di programmazione e degli altri allievi che lo utilizzano.

Quando può essere richiesta l’attivazione del servizio a domicilio e da chi?
Nel caso in cui l’alunno non possa usufruire dell’attività di supporto resa a distanza.

Per chi sceglie di dare propria disponibilità a lavorare in forma a domicilio quali tutele sono previste in ordine di sicurezza?
Formazione specifica, fornitura DPI per se, l’alunno e i familiari presenti, sanificazione luogo di lavoro. In caso di mancato rispetto il lavoratore deve contattare immediatamente la cooperativa e posticipare il servizio.

Come viene garantita la sanificazione periodica e lo stato di sicurezza dell’ambiente lavorativo considerando che questo in caso si assistenza resa a domicilio coincide con un ambiente domestico privato?
Deve essere previsto nella co-progettazione e concordato tra cooperativa e famiglia.

Come evitare che diventi un intervento di assistenza domiciliare di altro tipo rispetto alle prerogative del servizio di Inclusione scolastica? Quali tutele in questo senso?
Bisogna sempre rispettare quanto previsto dal PEI ed agire in coerenza.

Nel caso di intervento a distanza o misto, chi garantisce all’operatore la disponibilità degli strumenti necessari (es. connessione internet, computer tablet e o cellulare ecc.)?
La cooperativa.

Verrà garantita anche la retribuzione vuoto per pieno dei mesi precedenti di sospensione del servizio?
Dipende dalla rendicontazione che presenta la cooperativa.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy