testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 

La Fp Cgil di Roma e Lazio denuncia al Provveditorato regionale del Lazio, Abruzzo e Molise la situazione del Carcere di Viterbo e degli altri istituti del Lazio.
“A quanto ci risulta, a Viterbo, dopo un caso di positività tra gli agenti, 31 lavoratori, dopo essere stati sottoposti a tampone, si troverebbero in sorveglianza sanitaria. È necessario conoscere quali siano gli interventi previsti dall’Amministrazione a tutela del personale, se sia stato individuato un sostituto per il Comandante di reparto, anche lui sotto sorveglianza, e se siano stati previsti controlli sanitari per tutto il personale dell’Istituto”, scrive il sindacato.

“Denunciamo che, nonostante i solleciti, ancora oggi le dotazioni di DPI adeguati siano carenti in molti istituti del Lazio, cosi come prevedono le disposizioni ministeriali e le norme varate per lo stato di emergenza. Così a Rebibbia, a “Regina Coeli”, a Civitavecchia, Velletri e presso il Nucleo Provinciale di Frosinone siamo venuti a conoscenza della consegna di mascherine di panno, mentre le norme e i protocolli prevedono ben altri dispositivi. Se questo fosse confermato, sarebbe a rischio la salute di tutti i lavoratori in servizio negli Istituti, nonché quella dei loro familiari e dei detenuti”.

“Anche lo stress psicologico a cui sono sottoposti gli agenti – prosegue la nota - aggrava le condizioni di lavoro: si stanno registrando casi di ansia e depressione, attualmente contenuti, ma che evidenziano un ulteriore disagio in questa emergenza che sta mettendo in difficoltà l’intero paese. Fondamentale in questo senso l’attivazione di un servizio di supporto psicologico h24, a sostegno di tutto il personale degli istituti penitenziari della Regione. I disordini delle scorse settimane accaduti in tutta Italia, ultima la sommossa di venerdì scorso a Civitavecchia, sono il chiaro segno di una situazione esplosiva che potrebbe in ogni momento precipitare”.

“Questo quadro d’insieme ci preoccupa: insicurezza, carenza di prevenzione, tensione per il pericolo di focolai del virus e di rivolte. Serve un intervento immediato da parte dell’Amministrazione penitenziaria, che ha la responsabilità di garantire con ogni mezzo la salute e la sicurezza dei lavoratori e la corretta gestione delle strutture. Serve un tavolo di confronto urgente, anche da remoto, per aggiornamento e il monitoraggio costante della situazione negli istituti del Lazio”, conclude la Fp Cgil.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy