testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Il 20 e il 21 novembre 2019 una delegazione della Fp Cgil Polizia Penitenziaria Roma e Lazio ha effettuato una visita presso la Casa Circondariale di Latina e un'altra presso la Terza Casa Circondariale di Roma. La struttura di Latina, costruita negli anni 30, presenta problemi strutturali. Insistendo nel tessuto cittadino comporta necessariamente l'individuazione di più sbarramenti, quindi di maggiori posti di servizio, per salvaguardare la sicurezza dell'istituto. La struttura è articolata in più sezione maschili, con una popolazione detenuta diversificata e una sezione alta sicurezza femminile. Il contingente di polizia penitenziaria femminile è in pieno organico mentre quello maschile è deficitario e composto da molti ultracinquantenni.

Grazie alla grande esperienza e professionalità  del personale di Polizia Penitenziaria, situazioni di disagio sono individuate e segnalate tempestivamente in modo da evitare situazioni pregiudizievoli tra la popolazione detenuta.

L'aspetto più problematico è quello strutturale pertanto necessiterebbero interventi di manutenzione straordinaria per migliorare soprattutto le condizioni lavorative del personale presente.

La Terza Casa Circondariale è un istituto a custodia attenuata, i detenuti firmano un patto di adesione e devono possedere delle specifiche caratteristiche per poter essere assegnati. Le sezioni sono tre, una delle due a custodia attenuata è in ristrutturazione mentre la terza è destinata ad ospitare detenuti ammessi al regime della semilibertà. C'è una forte carenza di personale di Polizia Penitenziaria e ciò incide notevolmente nell'organizzazione del lavoro. Non esiste un presidio sanitario continuativo nelle 24 ore, pertanto durante le ore notturne si ricorre all'intervento del medico della contigua Casa di Reclusione. La mancanza anche di un presidio infermieristico rimanda al personale di Polizia le segnalazioni di interventi urgenti al medico, rimettendo così al personale una responsabilità che non gli compete.

Ancora una volta ci auguriamo che l'amministrazione rivolga maggiore attenzione agli istituti incrementando gli organici di Polizia Penitenziaria, assegnando altre figure professionali necessarie alla funzionalità del servizio  e investendo risorse economiche alle strutture al fine di migliorare le condizioni di lavoro del personale.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy