FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Prosegue anche ad Agosto il nostro impegno nell'effettuare le visite ai luoghi di lavoro della polizia penitenziaria. Questa settimana siamo stati nella scuola di formazione di via di Brava e alla casa circondariale G. Pagliei di Frosinone. Sono questi i periodi in cui, come per tutti i lavoratori dei servizi pubblici h24, la carenza di personale e la concomitanza del piano ferie rendono la gestione e l'organizzazione del lavoro ancor più complicata. La disponibilità dei direttori e comandanti ci ha consentito di verificare da vicino tutte le criticità.

Nel centro di formazione di via di Brava abbiamo constatato che la struttura presenta problemi di infiltrazioni e necessiterebbe di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Anche la scuola risente dei tagli agli organici: attualmente le 50 unità in forza riescono con difficoltà a coprire i fabbisogni, e la situazione si aggrava quando presso la scuola sono in atto i corsi che vedo interessati fino a 4000 persone.

Nell'istituto di Frosinone la situazione è critica anche dal punto di vista della sicurezza. Ciò dipende soprattutto dalla carenza nell'organico degli agenti (sono attualmente 217 ma dovrebbero essere 296, di cui 16 al nucleo traduzioni), dal sovraffollamento della popolazione detenuta (capienza massima 510: attualmente sono 610 di cui 250 di alta sicurezza), nonchè dalle carenze strutturali riguardanti in particolare la parte più vecchia dell'istituto (dove un solo agente deve controllare una sezione di oltre 300 metri in assenza di automatismi elettronici). Il nucleo traduzioni provinciale lavora sotto organico e con un parco auto vecchio e in gran parte inutilizzabile. Servono risorse umane e materiali.

Per risolvere questioni così gravi non è sufficiente la buona volontà del personale e della dirigenza. Occorrono politiche alternative al carcere, investimenti economici e soprattutto adeguamento delle piante organiche con nuove assunzioni. Anche queste saranno tra le problematiche che rappresenteremo il 27 agosto prossimo all'incontro con il nuovo provveditore Carmelo Cantone.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy