testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

L'apparato penitenziario del nostro Paese è ormai al collasso e fuori controllo.

È di poche ore fa la notizia dell'ennesima evasione dal nosocomio romano "Pertini", dove un detenuto piantonato si è dato alla fuga; lo stesso che, un mese fa, ebbe a consumare il medesimo episodio e venne, subito dopo, tratto in arresto. Anche questa volta, per fortuna, il fuggiasco è stato catturato.

Da tempo - il primo commento a caldo della FP CGIL - denunciamo la necessità di rinnovare il sistema carcerario anche rafforzando l'esecuzione penale esterna. La carenza di organici, strumenti e mezzi sono ormai la punta dell'iceberg di un vero e proprio default dell'azione governativa in tutto il territorio.

È inaccettabile quanto accade, quotidianamente, su più fronti ed articolazioni periferiche, con conseguenti compromissioni dell'incolumità psico-fisica delle/degli agenti di polizia penitenziaria e dell'ordine e sicurezza di tutta la collettività.

Dopo i recenti e gravi fatti di Santa Maria Capua Vetere e Frosinone, cosa aspetta l'Amministrazione Penitenziaria per mandare un segnale di esistenza?
Senza provvedimenti di sistema siamo ormai prossimi al capolinea.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy