testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Protesta oggi - 19 luglio 2021 - della Fp Cgil Polizia penitenziaria Roma e Lazio davanti alla Corte Suprema di Cassazione, per denunciare l’ingiusto trattamento subito da un delegato sindacale, reo di aver fatto emergere alcune irregolarità.

“Pensiamo non sia un caso che il delegato sindacale sia stato messo in difficoltà e abbia subito un ingiusto trattamento da parte dei responsabili dell’ufficio di sicurezza personale e vigilanza, Uspev, ovvero il personale di polizia penitenziaria che garantisce controllo e sicurezza ai varchi d’accesso al palazzo della Corte. Il delegato con coraggio ha messo in luce alcune irregolarità di gestione, svolgendo, semplicemente e correttamente, il proprio lavoro e il proprio ruolo di rappresentante sindacale. Da qui, si sono verificate quelle che hanno tutta l’aria di intimidazioni: da procedimenti disciplinari ad hoc, alla riduzione del punteggio sul rapporto informativo annuale, senza giuste motivazioni, al demansionamento. Un modo nemmeno troppo velato di esasperare il clima e portarlo ad uscire dal servizio”, dichiara Stefano Branchi, Fp Cgil Polizia penitenziaria di Roma e Lazio.

“Viene da pensare che siano volontari anche gli errori fatti a suo danno nella programmazione dei servizi. Il sindacato non si lascia intimidire: difendiamo in ogni modo la correttezza, la legalità e la trasparenza, sia nella gestione delle attività dell’ufficio sia nel rispetto del ruolo delle rappresentanze sindacali. Chiediamo all’amministrazione penitenziaria un intervento tempestivo, che tenga in ipotesi la stessa sostituzione dei funzionari a capo dell’Uspev e responsabili di questo accanimento contro il nostro delegato”, prosegue il sindacalista.

“Le difficili condizioni in cui versa il corpo, complessivamente, data la carenza di organici e le tante criticità sommatesi nel tempo, la più grave relativa alle condizioni di lavoro all’interno degli istituti, sono oggetto di una vertenza aperta con ministero e amministrazione penitenziaria. Ad atteggiamenti di questo tipo rispondiamo con il coraggio di chi è dalla parte giusta: difendere e tutelare il lavoro degli agenti, sempre e comunque, è la nostra priorità, così come lo è la difesa della trasparenza, della correttezza e della legalità”, conclude Branchi.

LE FOTO DAL PRESIDIO

previous arrow
next arrow
Slider

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy