testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Domani, venerdì 23 aprile, i lavoratori e le lavoratrici della polizia penitenziaria di Roma e del Lazio, in stato di agitazione con la Fp Cgil dall’inizio di aprile, protesteranno sotto alla sede del Provveditorato dell’Amministrazione penitenziaria di Regina Coeli a Trastevere, dalle 11 alle 13.


“Saremo in presidio per chiedere l’immediata definizione di un piano assunzionale che colmi le numerose carenze, circa 700 in totale, e la risoluzione delle tante criticità degli istituti penitenziari, che durante la pandemia sono ulteriormente aumentate”, così Stefano Branchi, responsabile Polizia Penitenziaria Fp Cgil Roma e Lazio.

“C’è un colpevole ritardo sulle vaccinazioni, solo da oggi attivate. Serviranno due – tre mesi per vaccinare il personale con la prima dose, e almeno otto mesi per completare il ciclo: troppo tempo, che sconta anche l’inserimento successivo degli agenti penitenziari nel piano delle vaccinazioni obbligatorie tra il personale di sicurezza. Dopo venerdì, un altro presidio è previsto lunedì 26 aprile 2021, dalle 10 alle 12 presso la casa circondariale del nuovo complesso di Civitavecchia, dove solo in questi giorni è stata definita dalla ASL l’attivazione del piano vaccinale attraverso le Uscar operanti in istituto”, prosegue il sindacalista.

“Sugli organici, mentre le uscite per pensionamento vanno avanti, non si è risposto con un vero piano di potenziamento ma si sta compensando con trasferimenti di unità che, necessariamente, andando a coprire là dove c’è più bisogno, lasciano ancor più impoveriti gli organici degli istituti di provenienza. In media, gli agenti in servizio sono il 30-40% in meno rispetto a quanti dovrebbero essere. Un esempio tra tutti, Latina, con 90 agenti in servizio e 34 vuoti d’organico. E la situazione è comune a ogni istituto penitenziario su Roma e su tutto il Lazio: questo, oltre a mettere a rischio salute e sicurezza dei lavoratori e interferire sulla sulla gestione dell’ordinario, come trasferimenti, convalide e piantonamenti, ha ricadute dirette sulla vita degli agenti, costretti a turnazioni straordinarie e non in grado di fruire di congedi e permessi, pur nel loro pieno diritto. Si arriva anche ad aver accumulato oltre 100 giorni di congedi arretrati da fruire”, continua la FP Cgil.

“Il provveditorato Lazio-Abruzzo-Molise, come l’Amministrazione centrale, devono farsi carico della questione: è fondamentale intervenire per incrementare gli organici e garantire misure di gestione adeguate, per consentire alla polizia penitenziaria di operare, in sicurezza e senza rischi, per il corretto funzionamento degli istituti e nel pieno rispetto del loro lavoro, purtroppo ripetutamente mortificato”, conclude la Fp Cgil Roma e Lazio”, conclude.

Le foto del presidio di Roma - 23 aprile 2021

previous arrow
next arrow
Slider
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy