testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 “Con l’arrivo del test rapido messo a punto in collaborazione tra INMI Spallanzani e Policlinico Torvergata, si avrà a disposizione uno strumento strategico che consentirà di programmare la diagnosi su larga scala, a partire, come necessario, dal personale sanitario e socio sanitario, in primis chi ha contatto con pazienti positivi o operi in ambienti Covid-19, superando gli attuali vincoli dei tamponi”, così la FP Cgil di Roma e Lazio.

“Nell’aggiornamento delle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità, è evidente la responsabilità dei datori di lavoro nell’attuazione e verifica di quanto disposto, a partire dalla distribuzione e corretto utilizzo dei DPI e delle procedure di trattamento, e sia quindi in capo alle Aziende sanitarie il dovere di realizzare interventi tarati sulle singole realtà, a seconda delle specificità della struttura, in modo da tutelare al massimo i lavoratori e le lavoratrici ed impedire la diffusione del contagio”, prosegue il sindacato.

“La mappatura dei casi attraverso i tamponi è ovviamente un aspetto essenziale per impedire contagi incontrollati e rilevare l’andamento dell’epidemia tra la popolazione tutta, ma la vera prevenzione sono le tutele: gestione dei DPI, organizzazione del lavoro, sanificazione degli ambienti, corrette procedure di trattamento e utilizzo dei dispositivi, informazione e formazione ai lavoratori”.

“Lo abbiamo detto e ribadito anche oggi nel corso della videoconferenza con la Regione: è fondamentale che tutte le aziende sanitarie, pubbliche e private, adeguino immediatamente i DVR (Documento Valutazione Rischi) alle nuove indicazioni dell’ISS. La nostra azione, attraverso delegati e RLS, è costante, così come costantemente chiediamo il rispetto del protocollo nazionale sottoscritto con il Ministero della Salute. Centrale è il ruolo di controllo e vigilanza da parte della Regione su quanto accade nelle singole aziende. Chiediamo pertanto che la stessa Regione attivi modalità di verifica continue e garantisca la corretta e costante informazione alle rappresentanze dei lavoratori: collaborazione e confronto sono essenziali, per la sicurezza di tutti”, conclude la Fp Cgil.

Il rapporto ISS 2/2020 aggiornato al 28 marzo

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy