testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Cgil Cisl Uil: “Fatto gravissimo. Subito misure per garantire la salute degli operatori: dpi, tamponi e personale specializzato in malattie infettive”

“E’ un fatto gravissimo dover apprendere dalla stampa che alcuni pazienti positivi al Covid-19 siano stati trasportati dalla casa di riposo di Nerola al Nomentana Hospital, senza che sia stata data alcuna informazione ai dipendenti, né che siano state introdotte le opportune procedure di prevenzione e sicurezza per gli operatori sanitari e di assistenza”. Questa la denuncia dei responsabili della sanità privata di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio, Massimiliano Rizzuto, Antonio Cuozzo e Domenico Frezza.

“Pretendiamo che la direzione del Nomentana Hospital e soprattutto la Asl Roma 5 intervengano immediatamente. Occorre mettere in atto tutte le misure necessarie per la tutela della salute dell'utenza e dei lavoratori e per prevenire possibili rischi di contagio, assicurando la salubrità dell'ambiente di lavoro e di tutti gli spazi della casa di cura”, affermano i sindacalisti.

“E’ indispensabile che a tutto il personale vengano distribuiti Dpi idonei e che vengano organizzati percorsi prestabiliti per evitare il propagarsi dell'epidemia”, proseguono. “E poi è necessario applicare le prescrizioni del protocollo sulla sicurezza degli operatori sanitari firmato ieri sera da Cgil Cisl Uil e Ministero della Salute. Tanto più che le indicazioni per la sorveglianza degli operatori sanitari, emanate dalla Regione Lazio il 23 marzo, devono per la loro tutela comprendere che i tamponi vengano effettuati a tutto il personale sanitario”.

“Per questo richiamiamo sia la direzione generale del Nomentano Hospital, che quella della Asl competente affinché vengano disposte le procedure per l’esecuzione del tampone naso-faringeo a tutti gli operatori sanitari e degli altri profili, e comunque in via prioritaria agli operatori entrati in contatto con pazienti risultati positivi”, concludono Rizzuto, Cuozzo e Frezza. “Chiediamo infine alla Asl Roma 5 e alla Regione Lazio non solo un ulteriore rafforzamento del comparto medico specializzato in malattie infettive, ma anche della dotazione organica di personale infermieristico e di Oss che è al momento largamente carente rispetto alle necessità di cura e assistenza di pazienti Covid-19 positivi”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy