testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

AGI, Roma, 18 marzo 2020 

"Non ci sono notizie ufficiali sui numeri del personale sanitario positivo al Covid 19. Il sistema sanitario non puo' permettersi l'eventuale verificarsi di focolai nelle strutture
sanitarie, che operano in costante emergenza. Abbiamo richiesto un protocollo piu' stringente per il personale sanitario, monitorando i casi asintomatici sospetti con tamponi quotidiani". Cosi' la Fp Cgil di Roma e Lazio all'agenzia AGI.

"Dalle disposizioni del Governo alle ordinanze regionali - prosegue la nota -  non e' prevista la quarantena preventiva ne' si effettuano tamponi di controllo per il personale
asintomatico che e' venuto a contatto con casi positivi al virus. Gli stessi lavoratori continuano a entrare in contatto con colleghi, pazienti e familiari, rischiando la propria salute e di essere possibile fonte di contagio per altre persone".

"Il fatto che le aziende sanitarie non forniscano bollettini ai lavoratori e' uno dei problemi attuali per la sicurezza e la tutela della salute di tutte le professioni sanitarie in servizio. Monitoriamo attentamente con i nostri delegati sui posti di lavoro l'effettiva distribuzione dei dispositivi di sicurezza, come mascherine, guanti, tute, etc,
cosi' come abbiamo richiesto che venga fornito adeguato supporto psicologico al personale sottoposto a forte stress e a elevati ritmi di lavoro".

"Chiamiamo alla responsabilita' le aziende e la stessa Regione Lazio - si legge infine - chiedendo maggiore trasparenza nell'informazione ai lavoratori, protocolli piu'
stringenti di sorveglianza , prevenzione e controllo per evitare allarmismi, speculazioni e fughe di notizie non verificabili, che avrebbero il solo effetto di generare panico tra lavoratori e pazienti, ricadendo sui livelli di prestazione e sull'efficacia della risposta del sistema sanitario all'emergenza nella regione". (AGI)

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy