testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Nel Lazio i casi da Coronavirus continuano a crescere, con un incremento costante del 20%. Solo oggi si sono registrati 86 nuovi contagi.
“Al momento la situazione è sotto controllo, grazie all’incremento delle strutture dedicate alla gestione dell’emergenza, ma la sanità e i servizi pubblici essenziali del Lazio non possono permettersi di mettere a rischio la salute dei lavoratori, per la loro tutela, e per la tenuta stessa del sistema. Basta un solo caso asintomatico per far collassare un’intera struttura, oltre che costituire fonte di potenziale contagio per altre persone, colleghi, familiari e pazienti, con cui si viene a contatto”, così in una nota i segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Giancarlo Cenciarelli, Cisl Fp Lazio, Roberto Chierchia, Uil Fpl Roma e Lazio, Sandro Bernardini.
“Per la tutela della salute dei lavoratori, a partire da quelli più esposti, e per mantenere elevata la risposta delle strutture, che si fonda sulle tante professionalità in servizio, è necessario implementare la sorveglianza sanitaria per i lavoratori asintomatici venuti a contatto con casi positivi, prevedendo tamponi giornalieri”, proseguono Cgil Cisl e Uil.
“I lavoratori più a rischio sono tutti coloro ai quali non si applica l’isolamento preventivo, a partire dal personale sanitario e sociosanitario, delle strutture ospedaliere pubbliche e private, dei servizi essenziali. Servono maggiori tutele per chiunque venga a contatto con pazienti affetti da Coronavirus. Mentre si sta provvedendo al reperimento e alla fornitura di dispositivi di protezione su scala complessiva, su cui il quadro non è ancora omogeneo, ed è altrettanto urgente l'ingresso di nuovo personale, su cui stiamo lavorando per incrementare le assunzioni già programmate, non possiamo permetterci focolai estesi tra i lavoratori in servizio. È pertanto necessario che la Regione Lazio si attivi da subito anche su questo fronte, stabilendo protocolli di verifica e maggiori controlli preventivi sui lavoratori maggiormente esposti”, concludono i segretari generali.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy