testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

No allo scontro diretto tra lavoratori esternalizzati e idonei vincitori di concorso. L’enorme carenza di organici negli ospedali e nelle Asl di Roma e del Lazio ha ricadute dirette anche su chi mette in opposizione la scelta di continuare ad affidare all’esterno i servizi e l’attuazione degli indirizzi dati dalla Regione Lazio – ultimo con la delibera del 6 febbraio con cui, attingendo alla graduatoria idonei del concorso al S. Andrea, dispone l’assegnazione di oltre mille risorse nelle diverse strutture sanitarie.

 “Noi abbiamo sempre sostenuto – dichiarano Natale di Cola, Segretario Cgil di Roma e Lazio, e Giancarlo Cenciarelli, Segretario generale Fp Cgil Roma e Lazio -  che chi svolge lo stesso lavoro debba avere gli stessi diritti. L’annoso ricorso agli appalti ha precarizzato il lavoro, impoverito e tolto tutele ai lavoratori, creando dumping e facendo pagare loro le inefficienze del sistema. Anni di commissariamento e blocco delle assunzioni hanno generato un elevato ricorso ad attività esterne. Ora è possibile, anche con l’uscita dal commissariamento e con indicazioni chiare anche a livello nazionale, riportare le attività all’interno delle strutture, e avviare al contempo un percorso straordinario di assunzioni, che tenga conto di chi ha tenuto in piedi i servizi sanitari regionali anche con 15 anni di servizio in cooperativa. I primi, importanti passi sono stati fatti: dopo il S. Andrea, con settemila idonei, risorse nuove e formate, pronti a entrare nel sistema sanitario dalla porta principale, si deve andare avanti con i nuovi concorsi programmati, ma non basta. È necessario uno sforzo straordinario per assumere, così come è fondamentale tornare a internalizzare servizi e attività, con un percorso condiviso e in accordo con la Regione, così come è stato fatto per il 118, riducendo il rischio di perdere professionalità ed esperienze, con elementi che tengano conto degli anni di servizio prestati anche da esterno”.  

E un passo avanti in questo senso arriva proprio oggi14 febbraio, con la Sentenza 20/2020 della Corte Costituzionale: è legittimo riconoscere al personale impiegato in processi di esternalizzazione un punteggio nell’ambito delle procedure concorsuali. Una battaglia vinta e un ulteriore passo avanti sulla strada che vogliamo, per la dignità del lavoro e la qualità dei servizi pubblici! 

LA SENTENZA QUI

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy