testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 

 “Ormai da tempo assistiamo alla crisi molto profonda dell’Ospedale Columbus di Roma, punto di forza della sanità privata capitolina che ad oggi, dopo circa 4 anni di agonia, rischia di chiudere i battenti tagliando la bellezza di 258 posti letto e mettendo a rischio il futuro professionale di 750 lavoratori”, dichiarano in una nota Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini, Segretari Generali di FP CGIL, CISL FP e UIL FPL Roma e Lazio.

“Dopo l’avvio della crisi, datato 2015 - prosegue la nota - la situazione è andata avanti in virtù del subentro della Fondazione Policlinico Gemelli, che attraverso un affitto di ramo di azienda ha di fatto garantito la continuità delle attività del Columbus e di conseguenza la continuità lavorativa delle centinaia di persone impiegate nella struttura e quella dell’offerta sanitaria alla cittadinanza. Il contratto di locazione, tuttavia, scade oggi, 31 ottobre 2019, e non è stata concessa la proroga dello stesso fino al giugno 2020. In questo modo dal 1 novembre prossimo l’Ospedale Columbus chiuderà i battenti, andando a rinforzare in maniera piuttosto pesante il già rilevante problema della carenza dei posti letto e della lunghezza delle liste d’attesa a Roma e nel Lazio. Si andrebbero infatti a bloccare inevitabilmente i ricoveri, le attività ambulatoriali, quelle radiologiche, la dialisi, andando a causare gravissime ripercussioni sanitarie e sociali sulla cittadinanza. Tutto questo senza dimenticare il punto interrogativo relativo al futuro dei ben 750 lavoratori impiegati nell’ospedale”.

“Di fronte ad una situazione tutt’altro che sostenibile - chiariscono i sindacalisti - noi non siamo rimasti certo a guardare e nella giornata di ieri abbiamo dato vita ad un’assemblea di tutti i lavoratori, al fine di cercare insieme le soluzioni concrete ed utili a salvare il futuro dell’ospedale Columbus e dei suoi dipendenti, attualmente sull’orlo di un precipizio. Da questo momento di confronto è emersa la chiara necessità di un intervento risolutivo della Regione Lazio e della Prefettura di Roma, a cui contestualmente abbiamo inviato richieste urgenti di incontro. Non è più possibile che si facciano orecchie da mercante rispetto ad una situazione di tale gravità. Le istituzioni devono intervenire per salvaguardare un’eccellenza della nostra sanità, dando sicurezza a chi per anni ne ha garantito gli alti standard qualitativi: i lavoratori”.

Il Verbale dell'assemblea del 30.10.2019

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy