testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 

Il 1 luglio chiude il centro semi residenziale di Via Achille Papa, uno degli storici centri dell’Opera Sante De Sanctis nel I municipio.

Non un incontro sindacale, nessuna riunione con il personale, nessuna spiegazione alle famiglie.

“Come organizzazioni sindacali abbiamo appreso della chiusura leggendo il decreto pubblicato sul sito della Regione, i lavoratori hanno ricevuto una nota di trasferimento negli altri centri e alle famiglie degli utenti è arrivata una lettera di trasferimento presso il centro di Via Conte Verde o, in alternativa, la chiusura del progetto riabilitativo”, così dichiarano Giulia Musto, Fp Cgil, Antonio Cuozzo, Cisl Fp, Domenico Frezza, Uil Fpl di Roma e Lazio.

“Il Centro di Via Achille Papa rappresenta un punto di integrazione per gli utenti all'interno del I municipio: non comprendiamo che si operino tali scelte senza confronto e senza tener conto delle ripercussioni sui percorsi riabilitativi posti in essere fino ad ora”, proseguono i sindacalisti.

“Fermo restando – continua la nota - che l'amministrazione salvaguarda i livelli occupazionali, ridistribuendo i lavoratori negli altri centri, non ci sembrano queste le modalità con cui affrontare una questione delicata, che coinvolge gli operatori e tutto il lavoro fatto con l'utenza fino a questo momento, anche in connessione con il territorio. Si ha l’impressione che, piano piano, l'Opera, tradendo la propria mission, voglia dismettere il modello "semi residenziale" in favore della riabilitazione ambulatoriale che però, oltre a non rispondere alle esigenze degli utenti con disabilità più gravi, che peggiorano all’aumento dell’età, avrebbe ricadute negative anche in termini occupazionali. Su questo, riteniamo necessario aprire un confronto complessivo e coinvolgendo la Regione Lazio, per evitare che per scelte amministrative, anche legate alle remunerazioni delle prestazioni, si dismettano realtà importanti e si compromettano i percorsi riabilitativi”.

“Siamo vicini alle famiglie che stanno combattendo una difficile battaglia e al fianco degli operatori chiediamo che tutta questa operazione venga fatta con maggiore trasparenza e con garanzie più solide, nel rispetto dei diritti degli utenti e dei lavoratori”, concludono i rappresentanti di categoria di Cgil Cisl e Uil.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy