FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

“Un piano straordinario di assunzioni, in Italia e nel Lazio, per rilanciare i servizi. Norme ad hoc anche per garantire personale esternalizzato”.

E’ un bene che la Ministra Grillo veda con i propri occhi qual è la realtà quotidiana vissuta da lavoratori e utenti dei servizi sanitari nel Lazio. Il commissariamento ne è la causa, non l’effetto: è necessario uscirne e continuare a investire, collaborando con le istituzioni locali e non proseguendo con i commissariamenti. In 10 anni il Lazio ha intrapreso la strada del risanamento riducendo all’osso gli investimenti. E i primi ad averne fatto le spese sono stati i lavoratori – sempre meno e con un’età sempre più elevata – e i cittadini, che a fronte di un aumento delle tasse versate hanno dovuto fare i conti con la progressiva contrazione dei servizi e una minore capacità delle strutture di rispondere alla domanda, comprimendo l’esigibilità del diritto universale e pubblico alla salute.

Abbiamo lanciato pochi giorni fa l’allarme sull’occupazione nel sistema sanitario laziale e sull’insufficienza dei nuovi piani assunzionali, per quanto, grazie anche alle battaglie che abbiamo sostenuto, per il triennio 2018-2020 si siano sbloccate risorse e si sia tornati a programmare nuove assunzioni. È necessario ora che si intervenga a livello normativo sia per superare il vincolo della riduzione dell’ 1.4% di spesa rispetto al 2004, la cui scomparsa dal Decreto semplificazioni ha allarmato in questi giorni il sindacato, sia per valutare con più attenzione le scelte sul Commissariamento in questa regione. Proseguire nella contrazione dei finanziamenti porta nella direzione opposta rispetto al rilancio dei servizi alla salute in tutto il paese, un tema che deve essere centrale nell’agenda del Governo. Servono risorse e un piano straordinario di assunzioni, che compensi la fuoriuscita di personale, con contingenti ridotti in 15 anni del 10 % in Italia e del 18% nel Lazio, e che continuerà ad andare in pensione nei prossimi mesi e anni, ancora di più con quota 100.

Come la stessa Ministra ha potuto verificare, i servizi sono al collasso. All’Umberto I il personale esternalizzato ha garantito per 15 anni la continuità dei servizi, pur non avendo oggi le caratteristiche per essere stabilizzato, essendo il concorso la principale porta d’accesso al lavoro nel sistema pubblico. Serve anche qui una soluzione normativa, che crei opportunità di ricollocazione e garantisca lavoro e rispetto delle professionalità.

Si valutino le proposte di chi rappresenta il mondo del lavoro e si batte perché tutti i cittadini possano accedere a servizi di salute e assistenza di qualità. Le assunzioni, insieme al rinnovo di tutti i contratti sono al primo posto nelle nostre rivendicazioni. Anche per questo saremo in piazza il 9 febbraio. I blitz non siano solo pretesti per sterili polemiche politiche, ma il Governo attui tutti gli strumenti in suo possesso e collabori con tutte le istituzioni per dare ai cittadini servizi migliori.

(foto: Ansa.it) 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più