FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Qualche centinaio di lavoratori ha partecipato oggi all’assemblea generale di Cgil Cisl e Uil al Policlinico Umberto I, per decidere i prossimi step della mobilitazione di tutto il personale. 

Si incrociano due grandi questioni, entrambe urgenti, a cui si continua a non dare risposte. Dal rischio licenziamento per i 700 lavoratori esternalizzati della Coop OSA, alla rottura delle relazioni sindacali per il personale del comparto, che blocca le trattative per il rinnovo del contratto decentrato, quindi per la destinazione del salario accessorio e per la necessaria riqualificazione del personale.

Così commentano i Segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio, Natale di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini: “È inammissibile che si proceda, come nelle precedenti gestioni, a negare il confronto con le rappresentanze dei lavoratori, a non fare chiarezza sull’effettivo fabbisogno, a negare diritti ai lavoratori, restando indifferenti di fronte al futuro di 700 lavoratori, da 15 anni in servizio, e delle loro famiglie. A pagare sono i lavoratori, ormai messi gli uni contro gli altri, a seguito di scelte non condivise con le organizzazioni sindacali”.

“Siamo di fronte a una possibile emergenza sociale – proseguono Di Cola, Chierchia e Bernardini - che avrebbe dovuto vedere l’interessamento diretto della Regione Lazio. Insieme alle attuali condizioni sul livello di produzione e servizi, a preoccupare è il futuro stesso del Policlinico. Non è chiaro quali siano le scelte fatte per il rilancio dell’azienda, stiamo assistendo a una continua penalizzazione del lavoro pubblico e a un continuo calo del livello dei servizi, con reparti che chiudono e prestazioni non più erogate. Non possono essere i lavoratori a pagare l’assenza di un chiaro progetto di rilancio del Policlinico, che è e deve restare un’eccellenza sanitaria pubblica, che tenga dentro nuove assunzioni, la dovuta valorizzazione salariale e professionale del personale interno, al contempo individuando soluzioni a tutela di chi da anni svolge con professionalità il proprio lavoro”.

“Amministrazione e Regione facciano la loro parte: attendiamo risposte chiare e a breve termine. In caso contrario – concludono i Segretari generali - con la prossima assemblea del 25 gennaio, proclameremo lo sciopero generale, i primi giorni di febbraio”.

Leggi la nota precedente

 

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy