testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Ieri sera, uno dei no vax che ha attaccato la sede nazionale della CGIL, si è recato presso il Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I per le cure lievi del caso. Da subito ha mostrato aggressività e rifiuto di osservare le norme anticovid obbligatorie all’interno degli ospedali, incluso il rifiuto del tampone.

Insieme a lui, altri no vax hanno sostato davanti l’accesso del triage senza mascherina, urlando, aggredendo pesantemente il personale sanitario del pronto soccorso e gli operatori del 118, impedendo così le normali attività di assistenza. 
L’intimidazione fascista non si è fermata neanche di fronte ai pazienti in attesa di cure. 
 
"Una coda aggressiva e facinorosa che  dopo aver devastato la sede del sindacato, che stanotte e questa mattina ha subito messo in campo una risposta estesa e democratica, ha colpito anche un presidio essenziale di servizi pubblici. Questa follia deve finire, siano perseguiti i responsabili e si applichino subito le leggi: ogni movimento ispirato a fascismo e violenza non deve avere spazio in questo paese. 
Con tutta la CGIL che si è mobilitata a difesa della democrazia, insieme alla categoria dei lavoratrici e lavoratori che tutti i giorni sono al servizio dei cittadini al fine di garantire un servizio pubblico  e universale, esprimiamo la nostra ferma condanna su quanto accaduto. Le organizzazioni neofasciste vanno sciolte  senza ulteriori ritardi.
 Nel clima attuale, inoltre, riteniamo necessario aumentare la sorveglianza nei pronto soccorso, perché è intollerabile assistere inermi a questi gesti di totale violenza civile e con inosservanza delle leggi vigenti."
 
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy