testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

“Bene l’iniziativa della Regione Lazio che si è costituita in giudizio di fronte alla Corte costituzionale per difendere la norma regionale che impone il rispetto del contratto collettivo di lavoro a tutte le strutture della sanità privata accreditata. E’ una battaglia che stiamo combattendo da tempo in tutti i posti di lavoro in cui si mettono in discussione i diritti dei lavoratori. La nostra azione non si fermerà finché dumping, sfruttamento e pratiche opache non saranno debellate”. Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini esprimono apprezzamento per il ricorso dell’amministrazione regionale a tutela della qualità del lavoro in sanità.

“La Regione si sta dimostrando molto sensibile su un tema che per noi è determinante. In troppe strutture sanitarie private del Lazio si verificano attacchi ai danni di chi ogni giorno è in prima linea per la salute delle persone. Accordi pirata, disapplicazione dei ccnl, discriminazioni, vessazioni, turni e carichi di lavoro moltiplicati sono una vergogna che dobbiamo cancellare. Nella sanità accreditata come nelle Rsa, dove i lavoratori attendono da 9 anni un contratto degno di questo nome”, rimarcano i segretari regionali di categoria.

“Noi proseguiremo la nostra battaglia e non daremo tregua agli imprenditori che si comportano in modo disonesto. Chiediamo alla Regione di continuare su questa strada e di fissare regole più rigide per l’accreditamento: niente soldi pubblici a chi non rispetta i lavoratori e i contratti”, concludono Cenciarelli, Chierchia e Bernardini.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy