testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

  • Oggi i lavoratori e le lavoratrici del Centro di Educazione Motoria di Via Ramazzini, solo da aprile direttamente dipendenti della Croce Rossa – Comitato Area Metropolitana, hanno protestato sotto la Regione Lazio, per sbloccare la filiera dei pagamenti e consentire a 45 persone di ricevere gli stipendi che mancano, da dicembre a oggi. 

    “Possono tirare ora un sospiro di sollievo: la Regione ci ha assicurato la liquidazione delle fatture, per circa 500 mila euro, dal 23 aprile, che consentiranno a Croce Rossa di iniziare a saldare gli stipendi arretrati e di entrare con regolarità nel pagamento delle mensilità da aprile in poi. Si avvia verso la regolarizzazione, quindi, una situazione che per mesi ha lasciato intere famiglie nel dramma. A gennaio il pagamento di novembre, e poi più nulla. Nel frattempo, la fine dell’appalto con Gem e l’ingresso dei lavoratori in Croce Rossa, tramite il complesso e non scontato passaggio della surroga tra privati”, spiega Giulia Musto, sanità privata Fp Cgil Roma e Lazio.

    “Si sta trovando soluzione a una vicenda purtroppo non rara nel mondo degli appalti e delle esternalizzazioni di servizi pubblici essenziali. All’inizio della filiera, le istituzioni pubbliche, alla fine, i lavoratori, sempre pagando le conseguenze di frammentazioni, ritardi e, come in questo caso, scarsa trasparenza dei soggetti appaltatori.

    Apprezziamo che l’istituzione regionale si sia fatta carico di risolvere la questione e superare la criticità attuale: un ritardo amministrativo che fa la differenza nella vita persone, operatori e professionisti della sanità pubblica, che al pari di tutti gli altri si prendono cura dei cittadini. Anche e soprattutto per loro e per tutte le realtà del sistema in simili condizioni, continueremo a portare avanti con forza la necessità di rivedere il sistema degli accreditamenti, a tutela del lavoro e dei servizi alla salute dei cittadini. La salute è un diritto universale, e il sistema sanitario pubblico deve poter garantire a tutti gli effetti lavoro e servizi”, conclude.

  • Le foto del presidio: 
    previous arrow
    next arrow
    Slider
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy